Articoli correlati ‘nucleare’

Energia e PDL, una coerenza disarmante

8 luglio 2011

La coerenza del PDL in materia energetica è disarmante: prima vogliono tornare al nucleare a qualsiasi costo, poi sgambettano quando possono le agevolazioni per l’efficienza energetica (55%), quindi azzoppano a più riprese le fonti rinnovabili e alla fine, alla loro festa nazionale, annunciano fieri nei manifesti: “STAND CLIMATIZZATI”.

 

 

Il vero spot Rai sui referendum

10 giugno 2011

Se vorrete che l’acqua rimanga pubblica, fate pure, ma noi ci sputeremo dentro!

Corrado Guzzanti torna in tv su Sky domani sera con «Aniene»…

Vorrete mica u pilu radioattivo?

10 giugno 2011

Miti nucleari

9 giugno 2011

Roberto Codazzi sta smontando con attenzione certosina uno a uno i miti nuclearisti con cui ci stanno ammorbando le orecchie da qualche mese.

Nelle puntate precedenti ilKuda si è occupato di:

  1. L’Italia importa il 20% di energia prodotta da centrali nucleari dalla Francia!
    FALSO.
    L’energia che l’Italia compra dall’estero è sì il 20% ma quella prodotta da centrali nucleari è solo l’1,5%. Approfondisci qui.
  2. L’Italia è circondata da centrali nucleari di altri paesi, in caso di incidente avremmo gli stassi danni, ma non abbiamo i benefici!
    FALSO.
    Le centrali ai nostri confini sono 11 e distano tutte più di 100 km. Un incidente in quelle centrali avrebbe ripercussioni molto meno gravi in Italia che nei paesi di istallazione. Approfondisci qui.
  3. L’uranio ci rende indipendenti da paesi instabili!
    FALSO. Le riserve maggiori sono in paesi come il Kazakhistan, la Namibia e il Niger. Approfondisci qui.
  4. Tutti costruiscono centrali nucleari tranne l’Italia.
    FALSO.
    Il numero di reattori attivi nel mondo è stabile dal 1987. Approfondisci qui.

Oggi invece si occupa del quinto mito, quello che riguarda le tasche: senza energia nucleare in Italia si paga la corrente più cara d’Europa.

Leggete e diffondete, fa bene alla salute e al quorum!

Vota sì! Ce lo chiede l’Europa!

9 giugno 2011

(da Monica Frassoni)

In concerto per 4 Sì

8 giugno 2011

La campagna referendaria volge al termine e si è fatta molto calda. Sono stati sconfitti i tentativi del governo di truffare i cittadini con finte leggi per evitare i referendum (la Cassazione e la Corte Costituzionale hanno provveduto a smascherare e bloccare la truffa). Se vogliamo un paese senza nucleare, con l’acqua pubblica e una giustizia uguale per tutti, ai referendum del 12 e 13 giugno dovremo raggiungere il quorum del 50% dell’intero corpo elettorale (non dei votanti!) un obbiettivo non facile ma raggiungibile per la prima volta dopo vent’anni grazie alla sensibilità cresciuta tra la gente sui temi fondamentali in gioco.

INSOMMA: portate a votare più gente che potete!

E per festeggiare l’ultimo giorno di una campagna referendaria costruita dal basso da tanti movimenti e associazioni e cittadini,

TROVIAMOCI TUTTI IN P.ZZA TRENTO E TRIESTE IL 10 GIUGNO A PARTIRE DALLE ORE 19
E FESTEGGIAMO INSIEME la fine della campagna referendaria e l’inizio, forse, di un sogno

Si suona si canta si balla si beve fino a mezzanotte insieme a:
DETESTO IL PRETESTO
STATE OF GRACE
4TDICE
THE BLUESMEN ACOUSTIC
BANDA LOSKA
PESTAFANGO

Comitati per il Sì ai Referendum su ACQUA PUBBLICA, NUCLEARE, LEGITTIMO IMPEDIMENTO di Ferrara.

Proibizionismo e nucleare

8 giugno 2011

In conferenza stampa con Giovanardi il direttore generale dell’UNODC Fedotov difende l’impostazione proibizionista dell’ONU sulle droghe dal recente rapporto della Global Commission on Drugs che ha chiesto il superamento della War on Drugs:

“non si può dire se la campagna dell’Onu sia stata fallimentare, anche se certamente non è stata ancora trovata una soluzione definitiva*“.

Insomma, un po’ come con le scorie nucleari…

* la convenzione ONU sulle droghe è del 1961, compie giusto cinquant’anni…

L’uselin de la comare

2 giugno 2011

Nucleare, si vota!

1 giugno 2011

Sul merito mi ero già espresso a suo tempo. La decisione della Cassazione è l’unica che poteva essere presa, visto la sfacciataggine governativa. Che però il suo bell’effetto di mettere in dubbio il voto l’ha portato a casa. Ora tocca a noi fare in modo che il quorum si raggiunga.

Stasera a Ferrara brindisi in Piazza Municipale per la democrazia ritrovata.

Poi, dopo mezzanotte, tutti a volantinare, attacchinare e parlare con le persone!

 

La notte gialla

23 maggio 2011

Venerdì 27 maggio 2011
dalle ore 22
Sala della Musica
complesso di San Paolo
Via Boccaleone 19

LA NOTTE GIALLA
Proiezioni e suggestioni in vista dei Referendum del 12 e 13 giugno 2011

A cura del Kollettivo Gumble Barney

Vai all’evento su Facebook:
https://www.facebook.com/event.php?eid=132908893450124
http://www.forum.ferrara.it/acqua
http://www.forum.ferrara.it/antinucleare

NON STAMPARE, INOLTRA E CONDIVIDI!
flyer stampato su bit riciclabili al 100%
ideato e distribuito all’origine grazie a energia fotovoltaica
in collaborazione con
il gruppo consiliare dei Verdi Circoscrizione 1