• Il coraggio delle proprie idee

    “Ci sono troppe manifestazioni che comportano lo sfruttamento degli animali, anche in Italia. Se la Catalogna rinuncia alla corrida, anche noi possiamo rinunciare a qualche palio che danneggia l’immagine dell’Italia e del made in Italy. Occorre valutare tutti Palii, anche quello di Siena, per calcolare quanti maltrattamenti e morti di animali ci sono state. Dobbiamo diventare animal friendly perché ho preso coscienza che quando accadono episodi di sfruttamento di animali le notizie fanno il giro del mondo e ledono la nostra immagine e il made in Italy”

    Così il Ministro del Turismo Brambilla sull’utilizzo degli animali nelle manifestazioni storiche italiane. Una dichiarazione talmente coraggiosa che la Ministra è costretta poi in poche ore a smentirsi sotto l’incalzare di leghisti (ah, le tradizioni) e sindaci:

    «Non ho proposto l’abolizione del Palio di Siena ma un’approfondita analisi di manifestazioni e feste popolari che coinvolgono animali».

1 Comment

  1. Pedro says: 6 Agosto 2010 at 15:06

    Capisco la nuova linea ma questa riesce a farmi schifo comunque…

    P.S. Mi piace molto il nuovo tema 😉

Leave a reply.