• Sul dono di sapere quando starsene zitti

    Anche Antonio Pavoni, il presidente pd della commissione urbanistica che ha fatto da trait d’union con le categorie economiche, commenta l’Aventino mattutino delle minoranze: «La verità è che non sapevano che risposte dare alle associazioni economiche, sul Poc i vari gruppi hanno posizioni diverse, per esempio Tavolazzi è più verde dei verdi». (la Nuova Ferrara del 20 luglio 2010)

    Ecco, questa è una delle occasioni in cui una persona, in particolare un politico, dovrebbe aver la capacità di capire che forse è meglio starsene zitto. E’ un dono, il sapere quando è meglio tacere, e non si può fare una colpa al consigliere PD di non averlo ricevuto alla nascita.

    Certo, a questo punto, si devono fare alcune considerazioni: non so sinceramente se Tavolazzi sia più “verde dei Verdi”; ancor più sinceramente lo dubito. Ma il punto vero è che intuisco da questa dichiarazione che per il Presidente della Commissione Urbanistica del Comune di Ferrara è un problema non poter dare risposte alle associazioni economiche mentre lo è molto meno dar respiro al nostro territorio. Anzi forse è quasi fastidioso il solo doversi porre il problema di un territorio comunale massacrato da anni di “happy hour” per villette e lottizzazioni.

    Non so se questo sia il pensiero dell’intera maggioranza, mi preme solo ricordare che gli amministratori le risposte le devono dare non solo alle Associazioni economiche, ma a tutti i cittadini.

    Un’ultima precisazione, giusto per chiarire i fatti a futura memoria: i Verdi sul documento di indirizzo del POC hanno votato contro, Tavolazzi non ha partecipato al voto.

Leave a reply.