• Dichiarazione di (semi) indipendenza energetica

    Da ieri l’impianto fotovoltaico di casa nostra è collegato alla rete. In effetti il post che state leggendo è stato “prodotto” con energia rinnovabile al 100%. Ed è una certa soddisfazione, devo ammetterlo, soprattutto se le notizie sul folle ritorno al nucleare rimbalzano da ogni dove.

    Da ieri quindi oltre al mio mac anche la pompa dell’impianto solare termico funziona grazie al fotovoltaico. I cappotti ai bagni sono stati fatti (soffrivano di raffreddori frequenti) e il sottotetto è stato insufflato di cellulosa (proveniente dal riciclo di carta). La caldaia nuova è a condensazione, ma funziona ancora a gas. Ci auguriamo di consumarne un po’ meno dell’anno scorso, anche perchè oltre alla coibentazione abbiamo anche sostituito tutti gli infissi (a parte il portone di casa, che un angelo ha riportato all’antico splendore).

    Rimaniano ancora dipendenti dai combustibili fossili, per il riscaldamento e l’illuminazione notturna, ma ora è tutta un’altra storia. Una storia che non sarebbe stata realisticamente possibile senza il conto energia e senza le detrazioni del 55% per i vari interventi di miglioramento dell’efficienza energetica della casa. Guardacaso il nostro Governo ha tagliato il conto energia per i prossimi anni, mentre le detrazioni sono in scadenza il prossimo 31 dicembre.

    Siete forse ancora in tempo, almeno per provare a cambiare le finestre, sicuramente per firmare il nostro appello su cinquantacinquepercento.it.

    Coraggio, il futuro di questo pianeta dipende anche da noi.

2 Comments

  1. z says: 22 Ottobre 2010 at 13:59

    grazie.

  2. beatrice says: 26 Ottobre 2010 at 16:33

    ma siete dei grandi!!!! e nei complimenti considerate anche quello splendido di mio marito.
    aspettiamo l’invito per la visita guidata

Leave a reply.