• Fiorentini (Sel): «Chi pagherà i costi del ‘cordone’ davanti al Duomo?»

    Fiorentini (Sel): «Chi pagherà i costi del ‘cordone’ davanti al Duomo?»
    QN – Il Resto del Carlino del 23/08/2014 ed. Ferrara p. 8

    «MI CHIEDO a cosa serva e soprattutto chi pagherà la ‘recinzione’ davanti al Duomo, un intervento che pone mille dubbi, sia dal punto di vista banale dell’efficacia, che da quello meno banale del tipo di approccio con un fenomeno sociale complesso e da conoscere meglio come il ritrovo serale di giovani (e meno giovani), e non ultimo da un punto di vista strettamente architettonico». Leonardo Fiorentini, consigliere Sel-Verdi, esprime in un’interrogazione la perplessità contro l’intervento (il ‘cordone mobile’) davanti al Duomo e si augura «che l’amministrazione possa rivedere le proprie posizioni, perchè mentre tutti noi siamo ancora in fremente attesa di vedere una qualche sera le scene boccacesche del ‘postribolo’ evocato dall’arcivescovo Negri, quasi ogni mattina siamo testimoni, non solo di fronte al Duomo, di un problema di senso civico ed educazione di molti (ma non tutti) i frequentatori notturni del centro storico. Non vorrei però che si assecondasse una crociata contro il diritto al divertimento col pretesto del pur imprescindibile rispetto dei monumenti e del decoro urbano». Fiorentini di dice convinto «che gli interlocutori principali debbano essere i frequentatori del centro storico con iniziative di sensibilizzazione ed educazione, magari anche reintroducendo il vuoto a rendere per gli esercizi che vendono bevande al di fuori dei locali o delle distese, abitudine consolidata in mezza Europa, che sarebbe un incentivo al miglioramento della consapevolezza e del senso civico generale, ed un aiuto alla riduzione del rifiuti lasciati sui selciati».

    Scarica in formato pdf: rdc_23082014.

Leave a reply.