• Ero Straniero – L’umanità che fa bene

    La campagna “Ero Straniero – L’umanità che fa bene” è stata lanciata ufficialmente il 12 aprile in una conferenza stampa al Senato da Emma Bonino e dalle altre organizzazioni che, insieme a Radicali Italiani, sono promotrici della legge di iniziativa popolare per superare la legge Bossi – Fini e cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro. La legge di iniziativa popolare dal titolo “Nuove norme per la promozione […]

    La campagna “Ero Straniero – L’umanità che fa bene” è stata lanciata ufficialmente il 12 aprile in una conferenza stampa al Senato da Emma Bonino e dalle altre organizzazioni che, insieme a Radicali Italiani, sono promotrici della legge di iniziativa popolare per superare la legge Bossi – Fini e cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro.

    La legge di iniziativa popolare dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari” è promossa da Radicali Italiani insieme a Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD, con il sostegno di numerose organizzazioni impegnate sul fronte dell’immigrazione, tra cui Caritas Italiana, Fondazione Migrantes Comunità di Sant’Egidio, la Società della Ragione e tante associazioni locali.

    A maggio è partita in tutta Italia la raccolta firme, anche con il supporto di un’ampia rete di sindaci – al momento sono già 60 – che hanno aderito alla campagna. Sono cinquantamila le firme di cittadini italiani da raccogliere in sei mesi per sottoporre la legge all’attenzione del Parlamento.

    La campagna “Ero straniero – L’umanità che fa bene” si propone di cambiare anche il racconto pubblico sull’immigrazione, ostaggio di pregiudizi, luoghi comuni e vere e proprie bugie che, invece di contrastare, la politica spesso sceglie di cavalcare per guadagnare consenso.

    Notizie, informazioni, aggiornamenti sulla campagna saranno disponibili sulla pagina Facebook: www.facebook.com/lumanitachefabene

    Per firmare a Ferrara a favore della legge di iniziativa popolare “Ero straniero. L’umanità che fa bene. Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari” gli interessati potranno rivolgersi ai seguenti uffici del Comune di Ferrara:

    – Ufficio Protocollo Generale – lunedì-venerdì 9 – 13, mart. e giov. pomeriggio 15 -17 (piazza Municipale n. 2 tel. 0532 419249)

    – Ufficio Elettorale – Lun.Ven. 8.30 -13, Martedì pomeriggio 14 – 16.30 (via Fausto Beretta n. 19 tel. 0532 419702)
    – Delegazione Est e Via Bologna lun. mer. giov. ven. 8.30 – 12.30, martedì 8.30 -13 / 14 -16.30 (via Putinati, 165/E – Tel. 0532 63234 – 763020)
    – Sportello Cona lun. mer. ven. 9 – 12.30, giovedì 9 -13 / 14 – 16.30 (c/o Ospedale S. Anna presso Centro Servizi Tel. 0532 239662)
    – Delegazione Nord lun.mar. mer. ven. 8.30 – 12.30, giovedì 8.30 -13 / 14 – 16.30 (piazza Buozzi, 14 – Pontelagoscuro Tel 0532 461652)
    – Delegazione Ovest lun.mer. giov. ven. 8.30 – 12.30, martedì 8.30 -13 / 14 – 16.30 (via Ladino, 24 – Porotto Tel. 0532 730021)
    – Delegazione Sud lun.mer. giov. ven. 8.30 – 12.30, martedì 8.30 -13/ 14 -16.30 (via Sansoni, 20 – Gaibanella Tel. 0532 718151)
    – Sportello Boara lun.merc. 8.30 -12.30, giovedi 8.30 -13 / 14 – 16.30 (via Copparo, 276 – Boara Tel. 0532 706003).

  • Sfiducia Sapigni

    Intervento sulla mozione di sfiducia all’assessora Sapigni

    Intervento di Leonardo Fiorentini nel corso del dibattito sulla mozione di sfiducia nei confronti dell’assessora Sapigni.

  • No, “caro” Bergamini, non sarò vostro complice

    Intervento di Leonardo Fiorentini, consigliere comunale indipendente (Sinistra Italiana) Comune di Ferrara

    No, “caro” Bergamini, non sarò vostro complice.
    Intervento di Leonardo Fiorentini, consigliere comunale indipendente (Sinistra Italiana) Comune di Ferrara

    Leggo che c’è qualcuno in Provincia di Ferrara che si è messo in testa di lanciare una campagna di disobbedienza incivile all’accoglienza di profughi, richiedenti asilo e (udite udite) migranti economici. A loro mi rivolgo con queste poche righe.

    Al grido di “prima i nostri” cercate di nascondere la vostra inadeguatezza amministrativa mettendo in competizione terremotati e migranti e fomentando l’odio e la paura.

    Non vi è nessuna invasione (basta leggersi i dati degli arrivi in Italia), non è vero che vengono privilegiati gli stranieri rispetto agli italiani, non c’è alcun fondo distolto alle necessità dei nostri cittadini e, dulcis in fundo, non c’è alcuna emergenza criminalità (dati in continuo calo da anni) se non in alcune zone e per alcuni tipi di reati che non sono legati in alcun modo agli sbarchi e che necessitano di un maggior impegno delle ffoo ancora disperse (bontà vostra) a inseguire rave party nel delta o scovare piantine di marijuana sui balconi di casa.

    Mi chiamerete “buonista”, anzi meglio adesso “finto buonista” (notare l’evoluzione lessicale) e non me ne dispiace. Perchè a chi esalta la cattiveria, a chi non si pone neanche il dubbio sul fatto che una persona che decide scientemente di rischiare la vita per cercarsi un futuro migliore (sia per sfuggire a guerre e carestie, o semplicemente alla povertà) sia meritevole di essere accolto in casa nostra con un poco di – semplice – umanità, è davvero difficile proporre un ragionamento. Mancano proprio le basi condivise della convivenza civile. Mi reputo fortunato ad essere nato da questa parte del mondo, e non sarò vostro complice nell’impedire a persone che hanno subito ogni giorno della loro vita guerra, carestia o povertà di cercarsi un’esistenza al riparo dalle distorsioni di un sistema che non funziona e delle quali noi finora abbiamo solo beneficiato. Ebbene sì: io sono per la libera circolazione delle idee, delle merci e – addirittura, vi scorra pure un brivido dietro la schiena – delle persone. E non sarò vostro complice perchè non voglio più vedere bambini diventare tragico simbolo dell’atrocità di questo mondo. Mi avete stufato con le vostre grida bavose, le vostre provocazioni, le vostre ruspe, i vostri calci in culo e le vostre leggi inadeguate e fallimentari che non hanno alcun senso rapportate alle tragedie di questo mondo. L’ho detto e lo ribadisco: accogliamoli tutti, perchè è questa l’unica strada per restare umani e per cambiarlo in meglio, questo mondo.

    A voi che non sapete amministrare l’ordinario e siete stati incapace di gestire qualsiasi emergenza, compresa quella del terremoto, a voi che avete scritto la Bossi-Fini e la rivendicate ancora, non possiamo chiedere di fare molto altro se non smetterla di urlare la vostra inciviltà e lasciare quei ruoli che evidentemente non siete in grado di ricoprire.

    Leonardo Fiorentini
    Consigliere comunale a Ferrara
    Indipendente, Sinistra Italiana

    Ferrara, 20 agosto 2016

  • Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi

    Ecco l’appello per la “Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi” che si terrà il 12 settembre 2015 a Ferrara in solidarietà ai migranti. E’ arrivato il momento di decidere da che parte stare. E’ vero che non ci sono soluzioni semplici e che ogni cosa in questo mondo è sempre più complessa, ma per affrontare i cambiamenti epocali della storia è necessario avere una posizione: sapere quali sono le […]

    Ecco l’appello per la “Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi” che si terrà il 12 settembre 2015 a Ferrara in solidarietà ai migranti.

    E’ arrivato il momento di decidere da che parte stare. E’ vero che non ci sono soluzioni semplici e che ogni cosa in questo mondo è sempre più complessa, ma per affrontare i cambiamenti epocali della storia è necessario avere una posizione: sapere quali sono le priorità per poter fare delle scelte.

    Noi stiamo dalla parte delle donne e degli uomini scalzi. Di chi ha bisogno di mettere il proprio corpo in pericolo per poter sperare di vivere o di sopravvivere. E’ difficile poterlo capire se non hai mai dovuto viverlo, ma la migrazione assoluta richiede esattamente questo: spogliarsi completamente della propria identità per poter sperare di trovarne un’altra. Abbandonare tutto, mettere il proprio corpo e quello dei tuoi figli dentro ad una barca, ad un tir, ad un tunnel e sperare che arrivi integro al di là, in un ignoto che ti respinge, ma di cui tu hai bisogno.

    Sono questi gli uomini scalzi del 21°secolo e noi stiamo con loro. Le loro ragioni possono essere coperte da decine di infamie, paure, minacce, ma è incivile e disumano non ascoltarle.

    La Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi parte da queste ragioni e inizia un lungo cammino di civiltà. E’ l’inizio di un percorso di cambiamento che chiede a tutti gli uomini e le donne del mondo globale di capire che non è in alcun modo accettabile fermare e respingere chi è vittima di ingiustizie militari, religiose o economiche che siano.

    Non è pensabile fermare chi scappa dalle ingiustizie, al contrario aiutarli significa lottare contro quelle ingiustizie. Dare asilo a chi scappa dalle guerre, significa ripudiare la guerra e costruire la pace.
    Dare rifugio a chi scappa dalle discriminazioni religiose, etniche o di genere, significa lottare per i diritti e le libertà di tutte e tutti.
    Dare accoglienza a chi fugge dalla povertà, significa non accettare le sempre crescenti disuguaglianze economiche e promuovere una maggiore redistribuzione di ricchezze.

    SABATO 12 settembre teniamo a FERRARA la Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi.

    Cammineremo scalzi fino al cuore della città: Corso Martiri della Libertà

    Per chiedere con forza i primi necessari cambiamenti delle politiche migratorie europee e globali:
    1. certezza di corridoi umanitari sicuri per vittime di guerre, catastrofi e dittature;

    2. accoglienza degna e rispettosa per tutti;

    3. chiusura e smantellamento di tutti i luoghi di concentrazione e detenzione dei migranti;

    4. creare un vero sistema unico di asilo in Europa superando il regolamento di Dublino;

    Perché la storia appartenga alle donne e agli uomini scalzi e al nostro camminare insieme.

    L’appuntamento è SABATO 12 settembre 2015 alle ore 10,00 in Via Saraceno con ritrovo di fronte alla Chiesa di Sant’Antonio Abate.

    Percorso: Via Saraceno, Via Mazzini, Piazza Trento Trieste, Corso Martiri della Libertà, Piazza Duomo.

    Per adesioni e possibile mandare mail a ferraracheaccoglie@gmail.com

    Referente dell’iniziativa Chiara Bertolasi (3804279454)

    Hanno aderito (al momento):

    Forum Terzo Settore della provincia di Ferrara

    Emergency Ferrara

    Partito Democratico Ferrara

    SEL Sinistra Ecologia Libertà

    Partito Rifondazione Comunista

    L’Altra Europa/L’Altra Emilia Romagna

    CGIL Ferrara

    CISL Ferrara

    Città del Ragazzo Opera Don Calabria

    Movimento Nonviolento

    Cittadini del Mondo

    ARCI Ferrara

    Agire sociale CSV

    Associazione Agevolando

    Caritas Diocesana Ferrara Comacchio

    OltreConfine

    ACLI Ferrara

    ACI Ferrara – Alleanza Cooperative Italiane

    Libera Ferrara

    Cooperativa Sociale Camelot

    UISP Ferrara – Unione Italiana Sport per Tutti

    Associazione Badanti Nadiya ONLUS

    Società Cooperativa Ballarò

    Associazione Viale K

    Ass. “Filippo Franceschi”

    Agriturismo “Spagnolina”

    Cooperativa Sociale Airone – Ferrara

    Associazione Famiglie Arcobaleno – Ferrara

    Associazione Circomassimo Arcigay e Arcilesbica Ferrara

  • «I migranti in casa mia? Sì ma al momento non ho posto»

    «I migranti in casa mia? Sì ma al momento non ho posto» QN – Il Resto del Carlino del 10/09/2015   ed. Ferrara p. 3 Articolo di MATTEO LANGONE per Il Resto del Carlino OSPITARE i migranti? La Chiesa ha detto ‘sì’. Ma i cittadini ferraresi, ed in particolare chi li rappresenta, sarebbero disposti ad accogliere nelle loro case una famiglia di profughi? Una volta si sarebbe detto che questa è […]

    «I migranti in casa mia? Sì ma al momento non ho posto»

  • La Lega, gli stranieri la Scuola e le nascite (italiane)

    Tagliani vigili sui reparti contraccettivi delle Farmacie comunali. Dichiarazione di Leonardo Fiorentini, consigliere comunale indipendente di SEL a Ferrara

    La Lega, gli stranieri la Scuola e le nascite (italiane)
    Tagliani vigili sui reparti contraccettivi delle Farmacie comunali

    Dichiarazione di Leonardo Fiorentini, consigliere comunale indipendente di SEL a Ferrara

    “Dopo il giro elettorale dei campi nomadi ieri la Lega Nord ci ha lasciato qualche indizio per la prossima iniziativa politica: sembrerebbe sia in preparazione il prossimo tour di Alan Fabbri armato di spillo in tutte le farmacie della regione. Chiedo al Sindaco di Ferrara di farsi carico della richiesta di maggiore vigilanza nelle farmacie comunali, individuando e perquisendo le persone che indossando cravatta o fazzoletto verde, o felpa equipollente, si avvicinino al settore dei contraccettivi.

    Tornando seri, la richiesta della Lega sulla limitazione delle presenze “straniere” nelle classi parte dal presupposto che l’integrazione “appare sempre più impossibile”, presupposto facilmente assumibile solo quando si smette di guardare agli esseri umani in quanto esseri umani, e nel caso particolare, ai bambini in quanto bambini. Presupposto peraltro smentibile semplicemente frequentando le scuole della nostra regione, dagli Asili Nido alle Università, dove grazie al lavoro delle Istituzioni e del personale docente e non docente, l’integrazione nel rispetto delle differenze è un fatto tangibile, sicuramente migliorabile, ma certo non un principio semplicemente affermato. Per fortuna la società è più avanti di alcuni suoi rappresentanti.

    Su una sola cosa ha ragione Fabbri: “il problema è tutto politico, e riguarda la nostra idea di società, ciò che siamo e ciò che vogliamo essere”. Appunto.”

    Leonardo Fiorentini
    consigliere comunale SEL Comune di Ferrara

  • Mille migranti? «Ognuno si impegni a fare la sua parte»

    Dopo la lettera di don Bedin. Fabbri (Lega): no buonismi. Il sindaco: «Farsi carico del problema, o si è politicanti»

    Dopo la lettera di don Bedin. Fabbri (Lega): no buonismi. Il sindaco: «Farsi carico del problema, o si è politicanti»
    Mille migranti? «Ognuno si impegni a fare la sua parte»
    Fabio Terminali su la Nuova Ferrara del 25 aprile 2015.
    Fa discutere la città la lettera inviata al nostro giornale da don Domenico Bedin, nella quale il parroco e animatore dell’Associazione Viale K lanciava la proposta di accogliere mille migranti in arrivo dalla Libia. «Tutti dobbiamo fare la nostra parte – dice il sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani – soprattutto nel momento in cui nel mondo c’è chi fa un passo indietro rispetto alle proprie responsabilità. Di fronte a un’emergenza del genere non siamo attrezzati ma ci dobbiamo attrezzare. Non ci possono essere due Italie: la Sicilia che deve pensare a tutto e altri che non contribuiscono. Le istituzioni devono farsi carico del problema: altrimenti non fai il sindaco, fai il politicante. Non mi riferisco a nessuno in particolare, dico solo che tutti devono fare la propria parte». Per l’assessore Chiara Sapigni «ciò che dice don Bedin è in sostanza ciò che ci ha chiesto il prefetto di Bologna martedì. Altre persone stanno arrivando e il loro numero non diminuirà certo a breve. Tuttavia non so numeri che definirei allarmanti, non è un’invasione. L’ipotesi è che tutti i Comuni contribuiscano all’accoglienza: nei dieci della provincia in cui i profughi sono ospitati le esperienze finora sono positive: penso a Masi Torello, dove i migranti hanno contribuito a imbiancare una scuola. Poi certo, vanno agevolati coloro che vogliono andare all’estero, verso le loro famiglie». Ecco il parere di Leonardo Fiorentini, consigliere comunale indipendente eletto nella lista di Sel: «Sono d’accordo con don Domenico. Lo sforzo del Comune penso sia stato degno, anche se si può fare di più per trovare soluzioni intelligenti. La comunità ferrarese è in grado di sopportare presenze anche superiori e le risorse devono arrivare da chi di dovere, non certo dai Comuni che sono sempre più in difficoltà. È evidente il fallimento della politica di regolamentazione dei flussi e di controllo delle frontiere; considerando poi che le persone fuggono da guerre che molto spesso sono finanziate e fomentate dai Paesi cosiddetti civilizzati». Secondo Carlo Tellarini di Comunione e Liberazione, «se don Bedin crede che si possa ospitare un migliaio di persone e sa come farlo, allora credo davvero che si tratti di un’opportunità. Attenzione però che accogliere non significa sopportare, e con questo non dico che sono scettico. I migranti sono persone nel senso pieno del termine, hanno una piena dignità, come me e lei. Non è tanto una questione di strutture o risorse da mettere a disposizione. Fondamentale è piuttosto capire quale è il principio di realizzazione di un destino degno per queste persone e quali prospettive possono avere nella nostra società». «Attenzione alle staffette buoniste dell’accoglienza Non è facendo a gara a quanti più ‘profughi’ si mantengono, con vitto e alloggio pagati, che si risolvono i problemi. La solidarietà è un valore sacrosanto e irrinunciabile, ma lo è anche il realismo. Don Bedin non pecchi d’ingerenza, pratichi il suo esercizio sacerdotale senza scavalcare le proprie competenze». Così il capogruppo leghista in Regione Alan Fabbri accogliendo «con favore» la nota di monsignor Luigi Negri, che frena lo zelo di don Bedin sull’accoglienza di stranieri nel ferrarese. «Rispetto la Chiesa, le sue istituzioni. Don Bedin è certamente persona che si prodiga per gli altri e che ha costruito realtà importanti. Gli consiglierei però di non cadere nel tranello buonista, di chi pensa di risolvere il problema (ormai strutturale) degli sbarchi aprendo i confini e facendoli entrare tutti: così non si fa che incentivare le partenze, mettendo a rischio la vita di migliaia di persone». Fabio Terminali
  • Immigrati, il corteo giallo per i diritti

    Palloncini, striscioni, bandiere: ed i seicento in piazza ricordano il giovane Sahid l’articolo del Resto del Carlino: rdc_2marzo2010 (in formato pdf).

    Palloncini, striscioni, bandiere: ed i seicento in piazza ricordano il giovane Sahid

    l’articolo del Resto del Carlino: rdc_2marzo2010 (in formato pdf).

  • Un patto con la lega…

    Bergamini, candidato della Lega alle regionali, accusa i Verdi di occuparsi di migranti solo in occasione delle elezioni. Non è vero, ma non sta qui il punto. Il vero problema del nostro paese è un altro: è la Lega a occuparsi un po’ troppo, e orribilmente, di migranti. Promuovendo leggi criminogene come la Bossi-Fini, respingendo disperati in mezzo al mare, fomentando l’odio razziale, cavalcando la paura nei confronti di chi […]

    Bergamini, candidato della Lega alle regionali, accusa i Verdi di occuparsi di migranti solo in occasione delle elezioni. Non è vero, ma non sta qui il punto. Il vero problema del nostro paese è un altro: è la Lega a occuparsi un po’ troppo, e orribilmente, di migranti. Promuovendo leggi criminogene come la Bossi-Fini, respingendo disperati in mezzo al mare, fomentando l’odio razziale, cavalcando la paura nei confronti di chi è un po’ troppo diverso da noi. Probabilmente qualcuno ricorda il sindaco leghista di Cocquio, il paesello dell´ormai celebre “delitto delle mani mozzate“: tirò un sospiro di sollievo quando scoprì che l´assassino “non è uno di noi, abita a nove chilometri”.

    Del resto se fosse per la Lega vivremmo tutti a Goito, dove non si possono iscrivere i figli all’asilo se non ci si dichiara cristiani. E’ la stessa Lega che, nell’ergersi paladina della “cristianità”, ne nega ogni giorno i principi fondamentali (l’amore e la fratellanza) costringendo centinaia di migliaia di persone a nascondersi, a vivere nelle fabbriche in disuso, a morire di sete attraversando il mediterraneo. E sono gli stessi leghisti che su Radio Padania maledicono quei sindacati e quelle associazioni cattoliche che li aiutano “informandoli esageratamente” sulle leggi in vigore.

    Caro Bergamini, le propongo un patto. Noi non ci occuperemo più di migranti in campagna elettorale, tanto è evidente che non siamo bravi quanto voi a sobillare e cavalcare le paure della gente. Però voi non ve ne occuperete più per i restanti 11 mesi all’anno. Ci risparmieremo tante tragedie, tanti morti e tanta sofferenza, sia italiana che straniera.

    Leonardo Fiorentini
    candidato alle regionali della lista SEL-Idee Verdi

    Scarica l’articolo del Resto del Carlino del 26 febbraio 2010: rdc_migranti_26feb

    NdR: si ringrazia Daniele Sensi per il suo blog, fonte inesauribile di “brutte” notizie direttamente da Radio Padania.