• dalla birmania…

    Toh, una notizia dalla Birmania (ops, myanmar).

    Rangoon, 14:38
    BIRMANIA: AUNG SAN SUU KYI DA 3 SETTIMANE RIFIUTA CIBO

    Aung San Suu Kyi, leader dell’opposizione nel Myanmar, ha intrapreso un seppur parziale sciopero della fame. La notizia e’ giunta dagli ambienti del suo partito Lnd, la Lega Nazionale per la Democrazia, secondo cui la 63enne dissidente non violenta da tre settimane non accetta le razioni alimentari quotidiane che le sono passate dal regime dell’ex Birmania, unica fonte di nutrimento alla quale ha accesso, consumandone soltanto una minima porzione: una decisione estrema per protestare contro il suo stato di detenzione arbitraria che dura ormai da diciannove anni, gli ultimi cinque dei quali trascorsi agli arresti domiciliari nella modesta villetta di Suu Kyi alla periferia di Yangon, la vecchia capitale birmana gia’ nota come Rangoon. In una nota della Lnd si esprime ansieta’ per la sorte della vincitrice del premio Nobel per la Pace 1991: “Noi e il popolo birmano siamo molto preoccupati per la sua salute. Le autorita’ che l’hanno segregata ingiustamente sono responsabili della sicurezza di ‘Daw’ Aung San Suu Kyi, e della sua sopravvivenza”, prosegue il comunicato, in cui al nome dell’oppositrice e’ premesso un titolo reverenziale molto in uso nel Paese asiatico. Nei giorni scorsi la leader democratica aveva rinunciato anche alle uniche occasioni che le erano state concesse per incontrare persone diverse dai soldati suoi carcerieri. Oltre al generale Aung Kyi, il ministro del Lavoro nominato dalla giunta militare del Myanmar come ‘ufficiale di collegamento’ con lei, ancora prima aveva rifiutato di vedere persino l’inviato speciale delle Nazioni Unite, Ibrahim Gambari. Gli unici incontri di Suu Kyi sono stati con il suo avvocato, tre volte nell’ultimo mese, e con un medico per un controllo generale.

    Da Repubblica.it.