• Un bacio alla panettiera di via immacolata

    Ecco, siccome di solito il pessimismo sullo stato del nostro paese straborda su questo blog, oggi voglio ritornare su una storia già raccontata la settimana scorsa.

    E voglio pubblicamente inviare un bacio alla panettiera di Via Immacolata a Francavilla che con la sua testimonianza ha scagionato il povero Osas.

    Signora Serafina Latartara, grazie di cuore, lei oggi mi ha regalato un sorriso.

    Un’altro sorriso, ben più amaro, me lo ha regalato Osas Friday, che una volta scagionato dalle accuse del consigliere pidiellino Proto, ha dichiarato:

    “Sono cristiano, non provo nessun rancore, conosco il valore del perdono”

    A Osas però, dopo 9 giorni di galera per un’accusa inventata di sana pianta, le scuse della PM servono a poco: deve andare a Brescia per rinnovare il permesso di soggiorno.

    E non ha un lavoro.

    In bocca al lupo.

  • Cogli la metafora /2

    Questa storia fa un po’ meno ridere della precedente ma vale la pena di essere ripresa.

    Francavilla, Italia, Mondo:

    È l’ora di pranzo di lunedì quando sia Proto (consigliere comunale PDL di Francavilla, ndr) sia Friday Osaf, clochard nigeriano di stanza a Francavilla, si trovano in via Immacolata. Il primo fa la spesa, il secondo chiede l’elemosina. A un certo punto si trovano l’uno vicino all’altro e, quando l’extracomunitario chiede un’offerta a Proto, questi lo scansa negandogliela e, a quanto pare, lo redarguisce invitandolo ad allontanarsi perché lì dà fastidio. Ne nasce un diverbio che, a detta di Proto, sfocia in aggressione durante la quale il nigeriano avrebbe estratto un coltello. I vigili, credendo alla versione del consigliere, arrestano Osaf dopo un inseguimento in cui uno degli agenti rimane ferito. Non sarebbe andata così, invece, secondo la commerciante Alessandra Latartara, che sostiene non ci sia stata aggressione alcuna e tanto meno la minaccia con un coltello da parte dell’uomo di colore. Nel vespaio di polemiche e indignazione, a decidere chi abbia ragione e chi torto, a questo punto, sarà probabilmente un giudice.

    Benedetto Proto, grande fan delle ronde, dopo le dichiarazioni alla stampa della fornaia e l’accerchiamento dei suoi colleghi in consiglio comunale ha annunciato le dimissioni da consigliere:

    questa città non merita il mio impegno

    La signora Alessandra Latartara, a seguito della posizione assunta, ha dichiarato in tv di aver ricevuto ‘avvertimenti’ in rapporto all’attività del suo esercizio commerciale.

    Di Friday Osaf non abbiamo notizie, ma temiamo sia ancora in carcere.