• meglio legale ferrara

    Meglio Legale a Ferrara

    Meglio Legale. Il tour.
    Viaggio nell’Italia che coltiva libertà.
    Ferrara
    Empatia Canapa Bar
    ore 18 – Via Carlo Mayr 119
    Sicurezza.
    Le politiche proibizioniste sulle droghe e la repressione generano davvero più sicurezza? Dopo 60 anni dall’approvazione delle convenzioni ONU sulle droghe illecite il mercato delle sostanze non è mai stato così ampio e pervasivo. A nulla sono serviti più di 50 anni di war on drugs: strade e piazze sono luogo di spaccio e consumo di sostanze (anche a Ferrara), il mercato è totalmente in mano alla criminalità. Ciò significa violenza, pericoli e insicurezza. Ma c’è un’alternativa: la riforma delle politiche sulle droghe. A partire dalla legalizzazione della cannabis che negli stati dove è stata realizzata ha già dimostrato una notevole efficacia nel diminuire non solo la criminalità legata alle droghe, ma anche la sicurezza in senso lato, come numerosi studi dimostrano.
    In questa tappa del Tour di Meglio Legale in collaborazione con Forum Droghe parleremo di come la regolamentazione legale della cannabis possa portare più sicurezza nelle città e più sicurezza nei consumi di sostanze.
    Partecipano a questo “Studio Live” presso Empatia Canapa Bar di Ferrara:
    Barbara Bonvicini, Meglio Legale
    Ilaria Baraldi, consigliera comunale
    Leonardo Fiorentini, Segretario di Forum Droghe e Direttore di Fuoriluogo
    Massimo Maisto, Presidente di Arci Emilia Romagna
    Antonella Soldo, coordinatrice della campagna di Meglio Legale
    In collegamento video: Federico Varese, professore di criminologia presso l’Università di Oxford (GB)
    E’ prevista la diretta Facebook e Youtube.
    I posti all’interno del locale sono limitati. Chi volesse partecipare in presenza è pregato di prenotarsi qui:
    https://forms.gle/kbioxJ9E7CJkaKHE7
  • cnd vienna

    Commissione Onu sulle droghe: chi c’era e cosa s’è deciso

    Con Leonardo Fiorentini, direttore di Fuoriluogo.it, Marco Perduca fa un bilancio della 63esima sessione della Commissione droghe delle Nazioni unite che si è tenuta dal 2 al 6 marzo scorsi a Vienna. Il posticipo del voto sulla cannabis, le cinque risoluzioni tematiche adottate e le attività delle associazioni italiane presenti. E l’Italia?

  • cannabis

    Sentenza cannabis, Fiorentini: “E’ tempo di una riforma per la regolamentazione legale”

    Sentenza cannabis, Fiorentini: “E’ tempo di una riforma per la regolamentazione legale”

    “Bene la Cassazione, ora è la politica che deve fare il suo”. Il commento dell’antiproibizionista ferrarese alla decisione della Cassazione sulla coltivazione domestica per uso personale.

    Da Estense.com

    Una recente sentenza della Corte di Cassazione a sezioni unite ha stabilito che coltivare marijuana in casa in piccole quantità e per uso personale non costituisce reato. Il pronunciamento è datato 19 ottobre, ma è ancora presto per stabilire se potrà avere riflessi nel prossimo futuro, anche se molto probabilmente i giudici che dovranno decidere su questo tema seguiranno l’orientamento della sentenza, pur non avendo un valore di per sé vincolante.

    E’ probabile che non ne potrà beneficiare la persona arrestata in questi giorni a Buonacompra dai carabinieri, visto il quantitativo ingente sequestrato, ma per i procedimenti giudiziari che prossimamente verranno trattati in seguito al ritrovamento di marijuana coltivata in casa la sentenza della Cassazione avrà un’influenza non trascurabile.

    Da precisare, per i non addetti ai lavori, che tale sentenza non ha cambiato la legge in materia, e ne è ben consapevole un antiproibizionista convinto come il ferrarese Leonardo Fiorentini, direttore di Fuoriluogo ed ex consigliere comunale indipendente, che coglie l’occasione per auspicare una riforma per la regolamentazione legale della cannabis. “E’ la quarta volta – commenta Fiorentini – che i giudici intervengono in sostituzione della politica per adeguare la legge italiana sulle droghe al dettato costituzionale e al buon senso giuridico. Per tre volte la Corte Costituzionale ha prima dichiarato illeggitima la Fini-Giovanardi, poi cassato al’art 75 bis sulle sanzioni amministrative ed infine adeguato il minimo di pena per le sostanze cosiddette pesanti ad un minimo principio di proporzionalità della pena. Oggi è la Cassazione che fa suo un principio già diffuso in molte Corti italiane, ovvero che fosse insensato colpire come uno spacciatore chi coltiva poche piante di cannabis per il proprio consumo personale. Si arrivava all’assurdo che si colpiva pesantemente chi si coltivava la propria pianta in casa proprio per non foraggiare le narcomafie”.

    Secondo Fiorentini “la grande assente di oggi è la politica, che è ancora ostaggio dell’ideologia proibizionista”. “Ne sono dimostrazione – aggiunge – le risposte troppo timide di molti politici rispetto all’ultima crociata dell’ex Ministro della Paura Salvini, addirittura in guerra (senza quartiere) anche contro sostanze che non hanno effetti psicoattivi, come la cannabis light. Per iniziare però 30 anni di pesante proibizionismo in Italia, quasi 60 nel mondo, non hanno fatto altro che riempire le carceri di spacciatori e persone che usano sostanze (rispettivamente il 35% e il 28% dei detenuti), mentre il mercato illegale delle droghe è più libero, florido e variegato che mai. Oggi è il momento del coraggio per affrontare di petto il fallimento delle politiche proibizioniste a livello nazionale ed internazionale, a partire dalla sostanza più diffusa e normalizzata fra quelle nelle tabelle delle convenzioni internazionali. Al pari di Paesi come Uruguay, Canada e 11 stati Usa, è il tempo di avviare anche in Italia una riforma per la regolamentazione legale della cannabis”.

  • cannabis

    Coltivare Cannabis in casa non è punibile penalmente

    Coltivare cannabis in casa in minime quantità non è reato penale, se destinato esclusivamente all’uso personale. Lo ha stabilito la Cassazione, in una sentenza a sezioni unite promulgata il 19 dicembre scorso.

    La Cassazione chiarisce e ribadisce comunque che la coltivazione resta ancora un reato, aprendo però la porta alle prossime sentenze e ponendo dei paletti, qualora «le attività di coltivazione di minime dimensioni, lo scarso numero di piante, il modestissimo quantitativo di prodotto ricavabile, la mancanza di ulteriori indici di un loro inserimento nell’ambito del mercato degli stupefacenti» siano chiari indici di un uso personale del coltivatore.

    In attesa delle motivazioni e degli sviluppi che seguiranno a questa sentenza abbiamo chiesto un commento a Leonardo Fiorentini, direttore del portale “Fuoriluogo”. Ascolta o scarica.

  • Foto Comune di Ferrara

    Scuole davvero più sicure? Droghe, la prevenzione all’incontrario della Giunta Fabbri

    Diciamo le cose come stanno. L’operazione “Scuole sicure”, lanciata in pompa magna dallo stakanovista del dovere istituzionale, l’ex Ministro della Paura Salvini, è stato un ridicolo fallimento. Pochi chili di sostanza sequestrata, molti giovani segnalati alla prefettura per garantirne il disagio sociale, e 4 milioni di euro buttati al vento. Del resto il Ministro trasvolatore è sempre quello che, mentre aumentavano del 20% in due anni i morti per overdose, ha dichiarato guerra alla cannabis light, ovvero il vecchio e ben conosciuto a Ferrara canapone. Pur non avendo effetti psicoattivi, avere la cannabis nelle vetrine dei negozi dava così fastidio che è stata oggetto di una campagna persecutoria che forse oggi grazie alla prossima finanziaria finalmente finirà. Oggi, a tempo scaduto, l’amministrazione ferrarese decide di lanciarsi nella crociata, guardacaso con una canna sulla locandina.

    La parificazione delle sostanze, ovvero la DROGA al singolare rivendicata dal Vice Sindaco e dall’Assessora Kusiak, pare essere la base ideologica (vecchia) che guiderà i prossimi interventi di “prevenzione” dell’amministrazione comunale di Ferrara. Una “prevenzione” all’incontrario che porta da un lato alla banalizzazione delle sostanze più pericolose, in quanto equiparate alla cannabis i cui effetti sono i primi conosciuti dai ragazzi visto il consumo ormai normalizzato nella società; dall’altro questa assimilazione ha portato all’aumento spropositato delle azioni delle forze dell’ordine nei confronti della cannabis a scapito di quelle contro cocaina ed eroina (i dati della diminuzione delle operazioni contro queste ultime sono piuttosto sconcertanti a seguito della Fini-Giovanardi).

    Anche l’ultima relazione del governo uscite l’altro giorno – ma che doveva essere consegnata lo scorso 30 giugno dall’altro stakanovista Ministro leghista Fontana che però in un anno è stato troppo impegnato a lottare contro la “modica quantità” (che non esiste più da 30 anni) per poter assolvere i propri doveri istituzionali – conferma che anche fra i giovani i consumi di cannabis sono sostanzialmente stabili, mentre a salire sono quelli di sostanze molto più pericolose, come l’eroina. Eppure viene rivendicata la scelta dello “spinello fumante” in locandina, quasi a confermare la teoria della cannabis droga di passaggio. Teoria smentita prima dalla logica, il 99% degli eroinomani hanno cominciato con il latte materno (per poi passare a caffè e sigarette), e poi dalle ricerche che confermano come non vi sia alcun legame fra consumo di cannabis e eroina se non il mercato illegale a cui le persone si rivolgono. Anzi, le ricerche ci dicono che l’uso di cannabis, in particolare un uso molto frequente, ha un effetto deterrente all’uso di altre sostanze. Del resto il 95% delle persone che hanno consumato cannabis non hanno mai consumato eroina nella vita.

    Eppure siamo ancora lì. Si buttano a mare anni di lavoro ben fatto a Ferrara da Promeco e ci si affida all’ideologizzazione della lotta alla DROGA. Invece di spiegare che le sostanze sono diverse, hanno diversi effetti e differenti pericoli, a Ferrara siamo ritornati, contro ogni evidenza scientifica e dato pratico, alla DROGA al singolare. Già l’operazione panchine ha reso nudo un (vice)Re incapace di andare oltre l’operazione di facciata. Non conta neanche che la lotta allo spaccino fatta con la rimozione dell’arredo urbano sia cosa ridicola in sè, addirittura oggi pare si pensi di rimuovere addirittura i portabiciclette. I fenomeni sociali non si arrestano nè impoverendo la città del suo patrimonio urbano, nè con la repressione dello spaccio, nè con quella del consumo e nemmeno con qualche telecamera davanti alle scuole. O, peggio, delegando educazione e prevenzione ai cani che annusano gli zaini dei ragazzi che vanno a Scuola. Sono 30 anni che la dura repressione sulle droghe vige in italia, 50 nel mondo, eppure le sostanze illecite non sono mai state così diffuse come oggi. Che si portino la sedia da casa, che appoggino la bici ad un muro, gli spacciatori al limite si sposteranno altrove. Come hanno già fatto, generando allarme sociale in altri contesti. E non serve nemmeno “arrestarli tutti” e tenerli in prigione come vorrebbe la Ministra Lamorgese. E’ già così: oggi le prigioni sono piene di spacciatori: rappresentano infatti il 35% della popolazione detenuta. Il tasso di successo dei processi per droga è superiore al 50%, contro il 10% dei processi per resti contro la persona o la proprietà. E comunque sia le organizzazioni criminali continueranno ad avere mano d’opera a basso costo e a bassa speranza grazie a leggi criminogene come Bossi-Fini e Decreti Minniti-Salvini.

    Oggi, non si avesse il paraocchi, si comprenderebbe anche in Italia che è tempo di cominciare a pensare come regolare legalmente questi fenomeni sociali, a partire dal regolare mercati e consumi, oggi più liberi che mai. E che bisogna cominciare a farlo a partire dalla sostanza più diffusa e meno pericolosa come succede in Uruguay, Canada e 11 stati USA. Parliamo proprio della cannabis, quella della locandina della “prevenzione” all’incontrario di Lodi e Kusiak.

  • Cannabis. Miti e fatti.

    Cannabis. Miti e fatti. Firenze 9 dicembre 2019

    cannabisLunedì 9 Dicembre 2019
    Auditorium del Consiglio Regionale della Toscana
    Via Cavour 4 – Firenze

    Ore 9,30 Saluti
    Tommaso Fattori Presidente gruppo consiliare Sì Toscana a Sinistra
    Denise Amerini Area Welfare Dipendenze CGIL nazionale
    Jacopo Forconi Presidente Arci Firenze

    Ore 10 Relazioni introduttive
    Il consumo di sostanze illegali in Italia ed in Toscana
    Fabio Voller e Alice Berti Osservatorio di Epidemiologia dell’Agenzia Regionale di Sanità della Toscana
    Droghe e carcere
    Franco Corleone Garante dei Diritti dei detenuti della Regione Toscana
    Il fallimento delle politiche
    Marco Perduca Associazione Luca Coscioni

    Ore 11 Le politiche sulla Cannabis in Italia e nel mondo
    Cosa possiamo imparare dal mondo: Uruguay, Canada, Colorado
    Leonardo Fiorentini Direttore di Fuoriluogo
    Italia, i dati, gli allarmi e le fake news
    Hassan Bassi Segretario di Forum Droghe
    Droghe e carcere
    Alessio Scandurra* Associazione Antigone
    La repressione della cannabis come controllo sociale
    Serena Franchi la Società della Ragione
    L’autoregolazione nel consumo di cannabis
    [Video progetto NAHRPP – Nuovi approcci nelle pratiche e nelle politiche di Riduzione del Danno]

    Ore 12 Cannabis in Italia, opportunità e criticità
    Cannabis e tribunali
    Carlo Alberto Zaina avvocato
    Cannabis e salute
    Tania Re Psicologa e Antropologa
    Cannabis e economia
    Luca Marola imprenditore e attivista

    ============
    Ore 15-17
    Arci Firenze in Piazza dei Ciompi 11

    Tavola rotonda
    Cannabis: come cambiare?
    in diretta su NOVARADIO
    Partecipano: Denise Amerini, Franco Corleone, Hassan Bassi, Jacopo Forconi, Leonardo Fiorentini, Tania Re, Fabio Scaltritti
    (coordina Luca Marola)

  • Laboratorio cannabis al CILD FEST

    Dopo l’esperienza dello scorso anno a Milano, torna il CILD Fest che, per l’edizione 2019, si terrà a Roma il 30 novembre. Presso il Roma Scout Center (Largo dello scoutismo, 1), durante l’intera giornata (a partire dalle ore 10.00) si alterneranno incontri, workshop, laboratori e dibattiti con al centro il tema della tutela e della promozione dei diritti umani e delle libertà civili, dal diritto di accesso alle informazioni al diritto all’ambiente delle generazioni future, dalla tutela dei ragazzi vittimi di omofobia all’uso dell’intelligenza artificiale per le libertà civili, e molto altro ancora. Ed è proprio alle future generazioni che vuole guardare questa edizione del CILD Fest. Tutti gli eventi sono pensati per aprirsi ai giovani rendendo i vari momenti un luogo di incontro e di scambio con loro.

    Dalle ore 15 alle 17,30 presso la sala 2 si terrà il Laboratorio Cannabis in vista della Conferenza autoconvocata per la riforma delle politiche sulle droghe. Si tratta della seconda tappa del laboratorio (dopo Bari il 5 ottobre scorso) e sarà un’occasione aperta per fare il punto sulla situazione italiana e confrontare le esperienze internazionali di riforma delle politiche sulla cannabis. Vi aspettiamo.

  • Leonardo Fiorentini a Radio Dolce Vita

    Legalizzazione della cannabis a Radio Dolce Vita

    La mia intervista a Radio Dolce Vita di Ferrara sulla legalizzazione della cannabis in Italia.

  • Cannabis, presentate a Roberto Fico le firme per la legalizzazione della cannabis

    Legalizzazione cannabis. Aprire la discussione, subito

    Ieri pomeriggio Leonardo Fiorentini è stato ricevuto dal Presidente della Camera Roberto Fico insieme ad una delegazione della manifestazione promossa da Associazione Luca Coscioni, Radicali Italiani, Forum Droghe, Fuoriluogo, la Società della Ragione, A Buon Diritto, Antigone a sostegno dell’inizio della discussione della legge di iniziativa popolare per la legalizzazione della cannabis. Nell’occasione Antonella Soldo (Radicali Italiani), Filomena Gallo e Marco Perduca (Associazione Luca Coscioni) hanno consegnato le 25.000 firme raccolte sulla petizione per avviare il dibattito in Parlamento sulla legalizzazione della cannabis a partire dalla legge di iniziativa popolare su cui si sono raccolte oltre 67.000 firme nel 2016. Fiorentini, che è Direttore di Fuoriluogo.it e tesoriere de la Società della Ragione, ha invece consegnato al Presidente Fico il decimo Libro Bianco sulle droghe, che lo vede fra i curatori. Con loro c’era anche Walter De Benedetto, il paziente toscano che nelle settimane scorse ha subito il sequestro delle piante che era costretto a coltivarsi per curarsi, vista l’inadeguatezza dell’approvigionamento di cannabis terapeutica. Un suo amico che lo aiutava nella cura delle piante è stato denunciato per coltivazione, ed oggi rischia da 2 a 6 anni di carcere.

    E’ stato molto importante poter presentare al Presidente della Camera – racconta Fiorentini – non solo i dati dell’inefficacia e dei danni delle attuali politiche repressive, ma anche il volto di una delle sue più recenti vittime, Walter De Benedetto. Siamo di fronte al paradosso che chi coltiva la propria pianta per evitare di foraggiare le narcomafie viene colpito con pene spesso spropositate, come potrebbe succedere agli amici che hanno aiutato Walter a casa sua. Addirittura nel suo caso ci si accanisce contro persone malate proprio mentre continuano i problemi di approvigionamento della cannabis terapeutica“.

    “La repressione colpisce i pesci piccoli, ed in particolare la cannabis come dimostriamo nel Libro Bianco. Ne è un esempio anche l’ultima operazione antidroga ferrarese, pur preannunciata in pompa magna dai novelli amministratori locali, dove non è stato contestato alcun reato associativo. Le forze dell’ordine sono costrette ad un enorme sforzo, i tribunali sono sommersi di procedimenti per droga con il solo risultato che non ci sarebbe sovraffollamento carcerario senza i detenuti per spaccio. Il sistema della sicurezza è così impegnato nelle operazioni antidroga che mentre 1 processo per droga su 2 si conclude con una condanna, solo 1 su 9 per furto o rapina riesce a portare all’individuazione di un responsabile e ad una condanna. Sprechiamo enormi risorse professionali ed economiche per non avere alcun risultato. Nè sul lato della diminuzione dell’offerta, con gli spacciatori che vengono facilmente sostituiti dopo poche ore, nè sul fronte della riduzione della domanda, come dimostrano i dati italiani, europei e mondiali”.

    “In particolare” – continua Fiorentini “negli ultimi 10 anni, mentre le operazioni delle Forze dell’ordine contro la cannabis sono aumentate del 36%, al contrario le operazioni con oggetto l’eroina sono diminuite addirittura del 46%. Siamo all’assurdo per cui la sostanza meno pericolosa è anche quella più oggetto di repressione, con un rapporto di 7 a 1. Dal 1990 quasi un milione di persone è poi stato segnalato per mero uso di cannabis, che rappresenta quasi l’80% del totale. Un’intera generazione, per lo più giovani, la cui vita è stata segnata, spesso con pesanti sanzioni amministrative, per aver consumato una sostanza che è meno pericolosa di alcol o del tabacco. E’ necessario porre fine a questa fallimentare ipocrisia ed avviare una seria riflessione sulla valutazione delle attuali politiche sulle droghe, a partire dalla cannabis.”

    Fiorentini, che rappresenta anche Forum Droghe all’ONU di Vienna, sottolinea inoltre come “laddove si è deciso di regolare legalmente un mercato come quello della cannabis – che oggi in Italia è più libero che mai – i risultati sono molto promettenti. Sia in termini di politiche di informazione e prevenzione degli abusi, finalmente realizzabili senza tabù, che in termini di riduzione della criminalità e di recupero di ingenti risorse economiche per lo Stato. Addirittura si verifica una riduzione dei consumi dei più giovani e non aumentano gli incidenti stradali. Senza dimenticare la nascita di un intero settore produttivo legale che potrebbe garantire in Italia almeno 300.000 posti di lavoro.”

    “Insomma – conclude Fiorentini – con i fatti della legalizzazione oggi si sono smontati tutti i miti proibizionisti. Occorre che il Parlamento italiano cominci a mettere in discussione le attuali politiche, a partire dai dati della realtà e della scienza. A Ferrara, nel 2016, raccogliemmo quasi 1500 firme a sostegno della proposta di legge per legalizzazione. Anche per questo chiediamo che inizi subito la discussione in commissione delle proposte di legge sulla regolamentazione legale della cannabis.”

     

    La registrazione di Radio Radicale della manifestazione, a 1h 29 minuti l’intervento di Leonardo Fiorentini in Piazza Montecitorio:

  • Libro bianco sulle droghe

    Il Libro Bianco a Barberino di Mugello

    LIBERAMENTE FESTIVAL – V Edizione

    13 • 14 • 15 settembre 2019
    Circolo Arci Barberino di Mugello “Bruno Baldini”

    Live music • radio on air • dj set afterpary • dibattiti • film • arte • vintage & friend’s market • cibo popolare

    With Arci Firenze • Novaradio Città Futura

    PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA PER LE CENE ALLO 055841219 O SULLA PAGINA FB DI Liberamente

    ***

    SABATO 14 SETTEMBRE
    15.00 Film – “Non essere cattivo” (2015) di C. Caligari
    17.00 Talk – “Il X Libro Bianco sulle Droghe” / Droghe: miti e fatti. Con Leonardo Fiorentini, direttore Fuoriluogo, Stefano Bertoletti, ricercatore Forum Droghe, Serena Franchi, ricercatrice Società della Ragione ONLUS
    20.00 Cena Rossa – Barile ai fornelli 20€
    21.30 Live opening – Francesco Turco
    22.30 Live – I miei migliori complimenti
    23.30 Dj Set Afterparty by Liberamente

    ***

    #Location

    Il Circolo Arci “Bruno Baldini” di Barberino di Mugello nasce all’indomani della liberazione del paese (11 settembre 1944), quando i barberinesi occuparono la Casa del Fascio e lì diedero vita alla Casa del Popolo. Da quel momento, situato nel centro del paese, è diventato il punto di ritrovo di generazioni e generazioni di barberinesi. Da cinque anni a questa parte il consiglio del circolo è composto in maggioranza da ragazzi sotto i trent’anni, il gruppo di giovani di Liberamente.

    #Partner

    Unicoop Firenze • Sez. Soci Coop Barberino di Mugello • CGIL Mugello • Unipol Sai Mugello

    #MediaPartner

    Novaradio Città Futura

    INGRESSO LIBERO CON TESSERA ARCI

    Save the date
    Sostieni il tuo circolo!

    #liberamentefest #stayliberamente #arci

  • Il ritorno della Canapa

    IL RITORNO DELLA CANAPA
    Giovedì 9 maggio 2019 | ore 18
    Circolo Arci Bolognesi
    [ingresso riservato soci arci]

    Fuoriluogo.it presenta

    Canapa Nostra
    Proiezione del documentario di
    Filippo e Francesco Grecchi
    (Italia, 2019, 56 min.)

    Dibattito con gli autori e
    Leonardo Fiorentini
    Direttore di Fuoriluogo
    Federico Battistini
    Avvocato

    A seguire aperitivo

    Sono stati invitati a partecipare gli operatori del settore della Canapa della città.

    Canapa Nostra è un grido del popolo che vuole verità e giustizia, è la storia travagliata e appassionante di una pianta proibita che ha accompagnato l’uomo nella sua intera storia evolutiva.

    Il documentario si divide in tre capitoli:
    La storia della cannabis
    ripercorre le tappe principali della storia agricola, industriale e legale di questa pianta, dalla preistoria fino al proibizionismo, concentrandosi in particolare sul nostro paese.

    Cannabis terapeutica
    un percorso chiarificante fatto di testimonianze dirette, per un approfondimento delle terapie a base di cannabinoidi e degli ostacoli che incontra chi vuole curarsi con la cannabis.

    Il ritorno della canapa
    capitolo conclusivo di un percorso ancora aperto, narra la vicenda del fenomeno cannabis light e illustra le potenzialità della cannabis in ambito industriale e alimentare, tra il ritorno di un’antica tradizione e le nuove scoperte che stanno facendo di questa pianta una risorsa al centro dell’attenzione mondiale, non solo per le sue proprietà terapeutiche.

    Il documentario è disponibile su openddb
    www.openddb.it/film/canapa-nostra

    Ingresso riservato ai soci arci

  • Festa della Semina Leoncavallo

    Festa della Semina 2019

    Seminare, paradigma di libertà!

    Seminare, seminare canapa, è sinonimo di autodeterminazione. Autodeterminazione è la libertà di autoprodurre ciò di cui ho bisogno e la gioia di poter seminare e veder crescere una pianta che mi può fornire dai vestiti al carburante della macchina (se proprio non ne si può fare a meno) e perfino i mattoni con cui costruire una casa. Autodeterminazione è libertà di scegliere alternative efficaci alla sudditanza e alla dipendenza dai sistemi di consumo del mondo di oggi: sostenibilità, cure e benessere per il corpo e la mente, e un po’ di sana “fatta” felicità, emancipano l’uomo e ci rendono autori della nostra vita, liberi di scegliere di cosa si ha bisogno per vivere, e seminarla.

    Lottiamo per la nostra libertà di seminare!

    PROGRAMMA:

      • Ore 20:00 –

    Cucina Pop

      • Ore 21:30 –

    Spazio Foresta

    • DIBATTITO: “Per uno spazio antiproibizionista europeo”
      • Ore 22:30 –

    Spazio Teatro

    • WORKSHOP a cura di Marco Farè di Milano Cannabica
      • Ore 23:00 –

    Salone Centrale

    • CONCERTI LIVE + DJ SET
    • Piotta + Black Beat Movement + Vito War
      • Ore 23:00 –

    Spazio Foresta

    • Sala DUB | DIGITAL | ROOTS
    • Dread Lion Hi-Fi
      • Ore 23:00 –

    Baretto

    • Sala UK BASS | JUNGLE | DNB
    • Degenere b2b Kinky Business

    ************

    SPECIALITA’ ANTIPRO:

    DOLCETTI SPAZIALI:

    • -Biscotti della zia Maria
    • -Panna scotta
    • -Space Cake
    • -Cannoncini alla crema sfatta

    SPECIAL DRINKS:

    • -Birra artigianale alla Canapa
    • -Hemp Vodka
    • -Hemp Gin
    • -Hemp Rum

    Ci vediamo Sabato 13 Aprile 2019 .

  • Cannabis 2020: la svolta è vicina

    Sabato 13 aprile alle 11,30
    Indica Sativa Trade
    Unipol Arena – Bologna

    CANNABIS 2020: LA SVOLTA E’ VICINA

    Martin DIAZ, European Institute for Multidisciplinary Studies on Human Rights and Science – Knowmad Institut
    Leonardo FIORENTINI, direttore Fuoriluogo.it
    Sergio REGAZZONI, Associazione cannabis ricreativa Ticino, membro fondatore del Circa (comitato interpartitico per la regolamentazione della canapa)
    Conclusioni: Enrico FLETZER, presidente ENCOD

  • Cannabis all’Onu, il 2020 sarà l’anno buono?

    La dichiarazione finale della Commission on Narcotic Drugs dell’Onu, conferma la cecità e l’ipocrisia di un sistema internazionale che prima si loda per l’implementazione dei processi, poi evita accuratamente di valutarne l’efficacia. Leonardo Fiorentini e Serena Franchi per la rubrica di Fuoriluogo su il manifesto del 27 marzo 2019.

    Si è conclusa senza grandi novità anche la riunione a Vienna della Commission on Narcotic Drugs (CND) dell’Onu, che ha seguito il Segmento Ministeriale già analizzato in questa rubrica (Ronconi, il manifesto del 20 marzo 2019). La dichiarazione finale conferma la cecità e l’ipocrisia di un sistema internazionale che prima si loda per l’implementazione dei processi, poi evita accuratamente di valutarne l’efficacia. È esemplare come alle cinque righe di lode dei “tangibili progressi” nella raccolta di dati, di analisi e di scambio di informazioni sul problema delle droghe ne seguano infatti 27 in cui si attestano la continua espansione dei mercati di droghe illecite, i livelli record raggiunti da coltivazioni e consumi di droghe, l’aumento delle morti droga-correlate nel mondo e la stabilità dei tassi di trasmissione di HIV e HCV. Ciononostante, obiettivi e mezzi rimangono gli stessi, e i richiami alla centralità dei Diritti Umani e alla flessibilità delle convenzioni introdotti nel 2016  risultano non enfatizzati.

    Sulla legalizzazione della cannabis la Russia ha tentato un attacco diretto a Canada e Uruguay (e USA), proponendo una risoluzione per il rafforzamento del ruolo dell’INCB (International Narcotics Control Board). Un paragrafo poi espunto esprimeva “profonda preoccupazione per la legalizzazione dell’uso non medico di determinate droghe in alcune regioni, che rappresenta una sfida all’attuazione universale delle convenzioni sul controllo delle droghe, una sfida alla salute pubblica e al benessere, in particolare tra i giovani, e una sfida agli Stati aderenti alle convenzioni”. Una lunghissima trattativa – terminata venerdì dopo pranzo – con il sostegno di USA e Olanda ha modificato decisamente il senso del testo. Del resto l’INCB e il suo Presidente, il thailandese Viroj Sumyai, non hanno certo mai nascosto la loro irritazione per le legalizzazioni nelle Americhe. L’agenzia ha dedicato l’intero primo capitolo del suo ultimo rapporto alla cannabis e ai “molti” rischi e “pochi” benefici del suo uso, medico e non. A Vienna Sumyai a precisa domanda ha risposto, con malcelata irritazione, che “la legalizzazione dell’uso non medico della cannabis contravviene i trattati internazionali sul controllo delle droghe”. Per fortuna è un organismo inutile e basta replicare a muso duro e si tacciono.

    Dunque, questa sessione sembra essere stata solo il preludio allo scontro che si preannuncia per il 2020, quando la raccomandazione dell’Oms per la revisione della classificazione della cannabis nelle tabelle delle convenzioni arriverà sul tavolo della CND.

    La raccomandazione dell’Oms, basata su una solida revisione della letteratura scientifica, propone l’eliminazione della cannabis dalla tabella IV delle droghe pericolose senza uso terapeutico della prima Convenzione del 1961 (cfr. rubrica di Perduca e Long su il manifesto del 27 febbraio 2019). Tale riclassificazione costituirebbe un volano per la legalizzazione dell’uso medico a livello globale, anche se non sufficiente per aprire all’uso ricreativo. Questo obiettivo può contare sulla flessibilità delle convenzioni esplicitata ad UNGASS 2016 e confermata la scorsa settimana a Vienna. È evidente che sulla raccomandazione dell’Oms, la cui pubblicazione era prevista nemmeno un mese dopo l’avvio della legalizzazione in Canada, hanno pesato molto le pressioni politiche, in particolare della Russia. Non è un caso il curioso ritardo di trasmissione, che ha di fatto permesso il rinvio della sua discussione. L’interrogativo politico del prossimo anno riguarderà se e come intervenire sul mantenimento della cannabis in tabella I, proposto dall’Oms dopo una revisione scientifica che invece non ne giustifica la collocazione fra le droghe pericolose.

    Tutte le info su vienna2019.fuoriluogo.it

  • Terza conferenza annuale della Canapa

    Ecco il programma della terza conferenza annuale della Canapa a Canapa Mundi a Roma.

    Venerdì 15 Febbraio, 2019

    RELATORE TITOLO ORARIO CENTRO DI RICERCA/UNIVERSITÀ
    CANAPA INDUSTRIALE moderatore: Dr. Emiliano Trovati
    Severina Pacifico Composizione chimica e proprietà nutraceutiche dei semi di canapa: un alimento antico con valori funzionali attuali 14:00 – 14:45 Università degli Studi della Campania
    Virginia Brighenti Sviluppo di una nuova tecnica di estrazione di fibra di Cannabissativa L. 15:00 – 15:45 Università di Modena e Reggio Emilia
    Marica Pellegrini
    Giancarlo Pagnani
    Applicazione di batteri promotori della crescita (PGPR) come strategia alternativa nella fertilizzazione di Cannabis sativa: miglioramento della fisiologia e della qualità della pianta 16:00 – 16:45 Università degli Studi di Teramo
    Andrea Ferrarini Fitobonifica di terreni inquinati da metalli pesanti tramite canapa 17:00 – 17:45 Università Cattolica del Sacro Cuore
    Enzo Manavella
    Alessandro Peretti
    COLTIVAZIONE INDOOR: progettazione e controllo delle condizioni ambientali 18:00 – 18:45 Indoorline S.r.l.

    Sabato 16 febbraio 2019

    RELATORE TITOLO ORARIO CENTRO DI RICERCA/UNIVERSITÀ
    MEDICINA VETERINARIA moderatore: DR. SERGIO COLOMBA
    Giorgia della Rocca Cannabis terapeutica in medicina veterinaria: basi scientifiche e possibili applicazioni 12:00 – 12:45 Università degl studi di Perugia
    Daniele Corlazzoli Esperienza di campo sull’impiego dei cannabinoidi nel controllo dell’epilessia in medicina veterinari 13:00 – 13:45 Policlinico Veterinario Roma Sud
    Elena Battaglia Utilizzo dei Cannabinoidi in Veterinaria 14:00 – 14:45 Clinica veterinaria
    PAUSA 15:00 – 16:00
    MEDICINA UMANA moderatrice:
    Crestani Francesco Cannabis, dolore, fibromialgia 16:00 – 16:45 International Association for Cannabinoid Medicine
    Francesca Baratta Utilizzo di fitopreparati nelle patologie del Sistema Nervoso Centrale: legislazione vigente e prodotti disponibili in commercio 17:00 – 17:45 Università degli studi di Torino
    Tania Re Olio di cannabis: uno studio preliminare per la valutazione degli effetti nel cervello 18:00 – 18:45 Università degli Studi di Genova
    Antonella Camposeragna La capacità di autocontrollo nel consumo di cannabis 19:00 – 20:00 Forum Droghe

    Domenica 17 febbraio 2019

    RELATORE TITOLO ORARIO CENTRO DI RICERCA/UNIVERSITÀ
    GIURIDICO moderatrice: Avv. Chiara Tania
    Ferdinando Ofria Legalizzazione delle droghe leggere: impatto economico in Italia. 11:15 – 12:00 Università degli Studi di Messina
    Giorgio Maniaci Proibizionismo e antipaternalismo giuridico 12:15 – 13:00 Università degli Studi di Palermo
    Leonardo Fiorentini Presentazione 9° Libro Bianco sulle droghe 13:00 – 13:30 Forum Droghe
    Davide Fortin L’evoluzione del canna-business NordAmericano: sfide ed opportunità per l’Italia 13:45 – 14:30 Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne
    Edoardo Mazzanti L’insostenibile leggerezza. La non punibilità del fatto avente ad oggetto droghe leggere tra prospettive di riforma e ripieghi ermeneutici 14:45 – 15:30 Scuola Superiore Sant’Anna Pisa
    Lorenzo Simonetti e Claudio Miglio Prospettive difensive e strategiche in materia di coltivazione di cannabis ai sensi del Testo Unico Stupefacenti, commercializzazione di c.d. cannabis light ai sensi della Legge 242/2016 e metodologie legali per la commercializzazione di olii ed estratti di CBD 15:45 – 16:30 Tutela legale stupefacenti
  • Leonardo Fiorentini sfata il tabù: “La politica parli della cannabis”

    Leonardo Fiorentini sfata il tabù: “La politica parli della cannabis”

    Ilaria Baraldi: “La politica non ne parla in modo laico perché non sufficientemente informata”

    di Simone Pesci

    La cannabis torna a far parlare di sé. O, meglio, a far parlare di cannabis ci pensano, in un incontro tenutosi presso la libreria “Ibs + Libraccio”, Ilaria Baraldi, la Società della ragione e consigliera comunale del Pd, Luca Marola, ideatore Easyjoint, Franco Corleone, sottosegretario alla Giustizia fra il 1996 e il 2001 e Leonardo Fiorentini, consigliere comunale di Si e, soprattutto, curatore dei testi del libro “La cannabis fa bene alla politica”.

    Un titolo che è quasi una provocazione, nel senso che, come spiega Ilaria Baraldi, la politica “non riesce a parlare dell’argomento in modo laico perché non è sufficientemente informata”. Difatti, sottolinea Luca Marola, “in campagna elettorale ha parlato di cannabis, che fa meno male rispetto agli argomenti di repressione, solamente la lista radicale +Europa”.

    Che se ne sia parlato poco non stupisce più di tanto Franco Corleone. “Viviamo – afferma – un dibattito politico che rimuove gli argomenti definiti divisivi. Ovvero quelli che aumentano i livelli di intelligenza e che incrementano gli scambi in un dibattito. Su questo piano mi sento di dire che la crisi politica è dovuta a una crisi della cultura”.

    Corleone spende anche qualche parola sul volume “La cannabis fa bene alla politica”, definito da lui stesso un “manuale di informazione”, che aiuta a rompere i miti: “Quando si verifica che la canapa è terapeutica si sfata il mito che faccia male: anche l’aspirina fa morti, più della canapa, però la si prende”.

    Fiorentini illustra quello che è il volume, ovvero una serie di dati e di storie che raccontano come è cambiata, a livello globale, la visione della cannabis, che vede in America i suoi maggiori movimenti. “In Usa, che è un po’ una contraddizione perché è il primo paese al mondo per carcerazioni in larghissima parte dovute alle droghe, la cannabis è stata legalizzata in 8 stati per un referendum e in 1, il Vermont, per vie legislative”.

    Gli Stati Uniti, dunque, sono “il Paese più avanzato sulla legalizzazione”, ma non sono comunque gli unici, perché “l’Uruguay ha legalizzato la cannabis con una normativa rigida e statocentrica”, in Canada “se ne sta parlando” e in Nuova Zelanda “i Verdi, dopo aver sollevato la questione, hanno imposto un referendum al presidente”.

    Tutti questi paesi, comunque, hanno una cosa in comune, come rivela Fiorentini: “In Uruguay ha rivinto le elezioni il partito che ha legalizzato la cannabis, in Canada hanno vinto quelli che ne avevano parlato in campagna elettorale e in Nuova Zelanda i Verdi hanno avuto un boom”. La morale, è una sola: “La politica abbia il coraggio di parlare di questi argomenti, perché non è detto che faccia perdere voti”.

  • La cannabis fa bene alla politica – Libri della ragione

    martedì | 27 febbraio 2018 | ore 17,30

    La cannabis fa bene alla politica

    A cura di Barbara Bonvicini e Viola Tofani
    Testi di Leonardo Fiorentini
    Pre e postfazione di Marco Perduca

    Le politiche sulla cannabis sono in evoluzione in tutto il mondo. L’Uruguay e 9 Stati USA hanno legalizzato quella ricreativa; il Canada si appresta a farlo, mentre le esperienze europee di Olanda e Portogallo sono note. In questo contesto internazionale appare evidente che la questione cannabis non sia più argomento tabù per la politica. Questo volume presenta una rassegna degli ultimi progressi legislativi, politici, parlamentari e di ricerca relativi alla cannabis in Italia. Allo stesso tempo, perché il proibizionismo è un “male” globale, presenta anche una panoramica di cosa si muove sul versante riformatore, principalmente nelle Americhe, con la speranza che le positive esperienze di legalizzazione sia dal punto di vista dei consumi, dei riflessi sociali ed economici, aiutino un processo di presa di coscienza che già attraversa tutte le generazioni.

    Dialogano con Leonardo Fiorentini

    Elisabetta Biavati Comitato Pazienti Cannabis Medica

    Franco Corleone già sottosegretario alla Giustizia

    Luca Marola Ideatore Easyjoint

    presenta Ilaria Baraldi la Società della Ragione

    In collaborazione con l’Associazione Luca Coscioni

    La cannabis fa bene alla politica
    A cura di Barbara Bonvicini e Viola Tofani
    Prefazione e postfazione di Marco Perduca
    Testi di Leonardo Fiorentini
    Reality Book | 2018
    | Pagine 192 | 10 €
    ISBN 978-88-95284-81-1

  • cannabis estense.com

    All’Ibs “La cannabis fa bene alla politica”

    All’Ibs “La cannabis fa bene alla politica”

    Con Leonardo Fiorentini si parlerà delle esperienze positive di regolamentazione

    Da Estense.com del 27 febbraio 2018

    Esperienze ormai consolidate e nuovi approcci sulla regolamentazione della cannabis, oltre il proibizionismo. Si parlerà di questo oggi, martedì 27 febbraio, alle 17.30, alla libreria Ibs+Libraccio, per la presentazione del libro “La cannabis fa bene alla politica”, con Leonardo Fiorentini, autore di alcuni testi. Con lui ci saranno il curatore Franco Corleone, Luca Marola ed Elisabetta Biavanti del comitato Pazienti Cannabis Medica. Presenta Ilaria Baraldi.

    Le politiche sulla cannabis sono in evoluzione in tutto il mondo. L’Uruguay e 9 Stati Usa hanno legalizzato quella ricreativa; il Canada si appresta a farlo, mentre le esperienze di Olanda e Portogallo sono note. In questo contesto internazionale appare evidente che la questione cannabis non sia più argomento tabù per la politica.

    Questo volume presenta una rassegna degli ultimi progressi legislativi, politici, parlamentari e di ricerca relativi alla cannabis in Italia. Allo stesso tempo, perché il proibizionismo è un “male” globale, presenta anche una panoramica di cosa si muove sul versante riformatore, principalmente nelle Americhe, con la speranza che le positive esperienze di legalizzazione sia dal punto di vista dei consumi, dei riflessi sociali ed economici, aiutino un processo di presa di coscienza che già attraversa tutte le generazioni.

  • cannabis nuova ferrara

    Cannabis, un libro per riaprire il dibattito politico in Italia

    cannabis nuova ferraraCannabis, un libro per riaprire il dibattito politico in Italia
    Fiorentini ha raccolto in un volume gli studi e le leggi nei Paesi dove è libera. «I dati sono inequivocabili: in calo i giovani che ne fanno uso e i reati violenti»
    Davide Bonesi da la Nuova Ferrara del 27 febbraio 2018
    Il dibattito sulla cannabis è molto lontano dall’essersi placato e c’è chi fa di tutto per tenere alta l’attenzione sull’argomento. Fra questi da anni è impegnato Leonardo Fiorentini (consigliere comunale di Sel), che ha raccolto dati e leggi relativi alla situazione in tutto il mondo sull’uso della cannabis, pubblicati nel volume La cannabis fa bene alla politica (Reality Book), presentato per la prima volta oggi pomeriggio a Ferrara.In Europa sono noti i casi di Olanda e Portogallo, negli Usa sono sempre più numerosi gli Stati che stanno modificando le proprie leggi, poi ci sono l’Uruguay, da poco il Canada ed a breve la Nuova Zelanda. Insomma, non propriamente il terzo mondo. Ma sono i dati che emergono in questi Paesi a rafforzare la teoria di Fiorentini: «Laddove la cannabis è stata legalizzata – spiega -, per uso terapeutico in primo luogo ma anche per l’uso creativo, i risultati complessivi sono migliori rispetto ai Paesi dove vige un divieto. D’altronde, proprio dove è vietata si sa che reperirla è molto semplice, ma innesca problemi legati allo spaccio e alla violenza. L’esempio più importante arriva dagli Stati Uniti: studi effettuati nelle nazioni dove è stata legalizzata dimostrano che negli adolescenti – ovvero la categoria dove ci possono essere maggiori rischi di effetti negativi legati all’abuso – l’utilizzo è diminuito. Inoltre, negli Stati americani dove è legalizzata i reati violenti sono in calo del 15%, mentre proprio in California la chiusura dei dispensari (dov’era facile reperire cannabis per usi che non erano terapeutici) ha visto aumentare i reati». Negli Usa proprio in California c’è stata la prima legalizzazione per uso terapeutico ormai nel lontano 1996, da allora allargato in totale a 30 Stati. Colorado e Oregon i primi a legalizzare la vendita commerciale, nel 2014, numero salito attualmente a quota 9. Ma l’esempio più vicino a noi resta ovviamente l’Olanda, dove il dibattito è sempre aperto: «Dagli anni ’70 la cannabis è disponibile nei coffee shop, ma nel complesso è tollerata, non legalizzata. Negli anni ci sono stati tentativi dei governi che si sono alternati di restringere le aree per i turisti, fermo restando le distanze minime da scuole e altri luoghi sensibili. Questo è poi il principio valido in tutti i Paesi dov’è legalizzata ed anche in Italia tutte le proposte partono da questo presupposto necessario». Altro aspetto presente nel volume da Fiorentini è quello legato al dato in calo relativo alle morti per overdose nei Paesi dove è stato legalizzato l’uso creativo, «perché dove non si trovano gli oppiacei è facile che chi ha problemi di droga ne vada a cercare di più pesanti, tipo l’eroina».L’obiettivo del libro è facile da immaginare: «Premesso che questa presentazione nulla ha a che vedere con la campagna elettorale – risponde Fiorentini -, quello che conta per me è che di questo argomento si possa parlare liberamente nell’attuale dibattito pubblico. In fondo, in Canada la legalizzazione della cannabis è servita a Justin Trudeau per diventare primo ministro, mentre in Nuova Zelanda la fresca neo primo ministro, Jacinda Ardern, ha accettato di aprire alla legalizzazione. Insomma, è un tema che può valere tanto…». (d.b.)
  • Cannabis Terapeutica ultimo appello

    Ferrara, palazzo municipale
    Sala dell’arengo
    Piazza Municipale 2

    Lunedì 27 novembre 2017
    ORE 17-19

    Incontro pubblico
    Cannabis Terapeutica ultimo appello

    La Camera ha recentemente approvato una, pur timida, messa a regime della regolamentazione nazionale sulla cannabis terapeutica.

    Le associazioni che da anni sono impegnate perché si cessi l’ostracismo antiscientifico contro la piante, si faccia ricerca sulle proprietà terapeutica della cannabis e si riconosca il diritto a curarsi con essa organizzano una iniziativa di sensibilizzazione dei senatori con l’obbiettivo che il Senato approvi le norme in questo scorcio di legislatura.

    Introduce e coordina
    LEONARDO FIORENTINI
    Direttore di Fuoriluogo

    Intervengono
    ELISABETTA BIAVATI
    Paziente

    FABRIZIO PEDRABISSI
    Medico, Terapista del dolore

    PAOLO MANTOVANI
    Farmacista

    DIBATTITO
    Sono stati invitati i Senatori eletti nel collegio e le forze politiche.

    ILARIA BARALDI
    la Società della Ragione ONLUS

    www.fuoriluogo.it
    www.societadellaragione.it
    info@societadellaragione.it