• autogestioni in (al)Italia

    La butto lì: ma se le autogestioni funzionano bene, in Germania come in Argentina, perchè non provarle anche in (al)Italia, vista anche la passione che ci hanno messo i lavoratori negli ultimi giorni?

    Un primo esempio, purtroppo abortito, a Milano:

    Mercoledì 24 settembre in ciclofficina (vicolo de Castillia, quartiere Isola, Milano) ritornano i cicloaperitivi con un’iniziativa solidale per i dipendenti INNSE (ex Innocenti) che da giugno hanno autogestito lo stabilimento proseguendo le lavorazione in corso (e trovandone di nuove) e che il 17 settembre sono stati sgomberati dalla polizia.
    Perché chiudere una fabbrica che ha ordini per i prossimi 4 anni? Semplice: le aree ex periferiche su cui sorge fanno gola alla speculazione immobiliare…
    Vi aspettiamo in tanti, giustamente incazzati e disposti, almeno questa volta, a pagare tutto quello che consumerete: +bc ci mette, con la sua cassa, le materie prime e come al solito cucina e sbattimento, tutto l’incasso verrà devoluto alla fabbrica in lotta.

    Da Ciclistica.it

    NB mi rispondo da solo, per quel che riguarda Alitalia: forse ci vogliono troppi capitali liquidi. Ma mi replico pure: di prestito ponte in prestito ponte…

  • La bicicletta, il ladro, il bazooka.

    ladri di bicicletteRubare una bicicletta in Sudan. Dal Corriere della Sera, via ciclistica.it:

    Non ha potuto appellarsi al concetto di legittima difesa il padrone di una bicicletta che, in Sudan, ha pensato bene di sventare il furto del suo mezzo utilizzando un bazooka. La vicenda è stata raccontata dal sito internet della tv saudita al Arabiya. Tutto è avvenuto nell’elegante quartiere residenziale di al Riad, nella capitale sudanese. Il ladro, a dir poco sfortunato, è saltato su una bici, come nel famoso film di Vittorio De Sica, ma ha trovato ben vigile il proprietario e, tra l’altro, in possesso di un’arma non proprio delle più comuni: un lanciatore di granate a razzo Rpg. A quanto racconta al Arabiya si sarebbe trattato di una vera e propria esecuzione. Quando l’irascibile ciclista ha premuto il grilletto, infatti, il ladro era ormai stato messo in fuga dai passanti. Il tutto è accaduto in pieno giorno. L’emittente riferisce che il giudice della prima sezione del Tribunale penale di Khartoum «ha ritenuto l’imputato colpevole di omicidio volontario» e non ha concesso l’attenuante della legittima difesa, in quanto «l’imputato era troppo distante dalla vittima al momento dello sparo». Il giudice, inoltre, non ha inteso concedere attenuanti neanche rispetto agli articoli di legge sulla difesa delle proprietà personali: «Il ladro aveva ormai abbandonato la refurtiva», quando è stato centrato in pieno e ucciso dal razzo, ha detto il magistrato. Il processo, che ha avuto luogo lunedì, è stato aggiornato «per permettere alla parte lesa di esporre le sue richieste dei danni, prima di emettere la sentenza»

  • Stupidità a confronto

    stadioQuando un consiglio comunale dimostra di essere più stupido dei tifosi che fanno danni:

    Klagenfurt, 3 giu. – (Adnkronos/Dpa) – Biciclette vietate nel centro di Klagenfurt. La citta’ austriaca, una delle sedi di Euro 2008, ha messo al bando le due ruote. Il consiglio comunale ha deciso che le biciclette non potranno accedere alle vie centrali dal 2 al 30 giugno. Il timore, a quanto pare, e’ che i mezzi possano essere utilizzati in modo improprio o lanciati come oggetti contundenti in eventuali incidenti provocati dagli hooligans. Nessun divieto esplicito invece per le auto. In realta’, quasi l’intera citta’ e’ stata dichiarata ‘fan zone’ e si prevede un traffico automobilistico quasi inesistente. Klagenfurt esordira’ a Euro 2008 domenica 8 giugno, quando ospitera’ il match Germania-Polonia per il gruppo B del torneo.

    Via ciclistica.it.