• Un’altra difesa è possibile: l’adesione del Comune di Ferrara

    Comunicato stampa
    Un’altra difesa è possibile: l’adesione del Comune di Ferrara
    Il consiglio comunale della città estense ha approvato a larga maggioranza (SEL. PD, FC, M5S) un ordine del giorno presentato dai consiglieri SEL e PD.

    Con 23 voti a favore dei gruppi consiliari SEL. PD, FC, M5S (e 7 voti contrari dei gruppi FI, Lega nord, GOL, FdI-AN) il Consiglio comunale di Ferrara ha approvato l’Ordine del giorno sull’adesione alla campagna “Un’altra difesa è possibile” presentato dai gruppi consiliari SEL e Partito Democratico.

    Dopo la presentazione del consigliere Fiorentini (SEL) nel corso del dibattito sono intervenuti i consiglieri Bazzocchi (M5S), Maresca (PD), Fornasini (FI), assessora Annalisa Felletti, consiglieri Cavicchi (Lega nord), Rendine (GOL), Bova (FC). Per dichiarazioni di voto sono intervenuti i consiglieri Rendine (GOL), Fiorentini (SEL), Anselmi (FI), Bazzocchi (M5S), Spath (FdI-AN), Maresca (PD).

    L’ordine del giorno impegna Sindaco e Giunta ad aderire alla campagna di raccolta firme per l’istituzione del Dipartimento per la difesa civile non armata e nonviolenta, a richiedere al Governo italiano una concreta diminuzione degli stanziamenti per spese militari e a sostenere nelle sedi opportune e presso il governo la completa affermazione del processo di difesa europea.

    Leggi l’intervento di presentazione del documento del consigliere Fiorentini (SEL)
    https://www.leonardofiorentini.it/consiglio/2015/03/30/intervento-di-presentazione-dellodg-unaltra-difesa-possibile/

    Leggi il documento approvato
    https://www.leonardofiorentini.it/consiglio/2015/03/29/ordine-del-giorno-sulladesione-alla-campagna-unaltra-difesa-e-possibile/

    L’ufficio stampa

  • Un’altra difesa è possibile

    Anche a Ferrara ci si attiva a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare “Un’altra difesa è possibile”.

    L’idea è stata lanciata all’Arena di Verona il 25 aprile scorso. Si è concretata in un testo pubblicato sulla G.U. n.153 del 4 luglio 2014. Si intende mettere in campo una difesa non armata e nonviolenta, sulla base delle migliori esperienze compiute, per contribuire alla risoluzione dei conflitti senza aggravarli, come spesso avviene, con puri strumenti militari. Il Dipartimento per la Difesa civile sarà finanziato da un fondo costituito da destinazione del sei per mille dell’Irpef dei cittadini e dai risparmi nel campo delle spese militari, che l’iniziativa di Corpi civili di pace e di interventi alternativi a quelli armati incentiverà.

    A sostenere l’iniziativa sono numerose e importanti associazioni della società civile.   Si tratta ora di raccogliere le firme. E’ già possibile firmare presso l’Ufficio Protocollo, nella sede del Municipio di Ferrara. Altri momenti di raccolta saranno predisposti. Per una miglior conoscenza della legge e delle iniziative in corso è convocato un breve incontro per domenica 21 dicembre prossimo alle ore 10.30 presso la Galleria del Carbone, via del Carbone 18/a (g.c.). Sarà anche l’occasione per uno scambio di auguri.

    L’invito è rivolto a quanti, amanti della pace, vogliono contribuire alla ricerca delle forme migliori per ottenerla.