• 4 passi nella transizione

    Dalla collaborazione delle Biblioteche Ferraresi, il Centro Idea, il Centro Mediazione Ferrara Città Solidale e Sicura e Ferrara in Transizioneè nato questo ciclo di incontri e film su Economia, Clima, Energia e “Transizione” che mi fa piacere segnalarvi.

    Si chiama 4 passi nella transizione e parte da questa domanda:

    Una delle poche costanti è il cambiamento, come possiamo immaginare l’economia, il clima, l’energia e la transizione verso il nostro futuro?

    Ecco il programma completo:

    quale economia?
    FILM : “Debtocracy” 72’ di A.Hatzistefanou e K.Kitidi
    18 GENNAIO h. 17.00 – Biblioteca Ariostea
    23 GENNAIO h. 21.00 – Sala Polivalente presso Centro Mediazione

    INCONTRO : Pierluigi Paoletti – Arcipelago SCEC
    28 GENNAIO h. 16.00 – Biblioteca Bassani

    che tempo farà?
    FILM: “The Age of Stupid” 92’ di F.Armstrong
    15 FEBBRAIO h. 17.00 – Biblioteca Ariostea
    20 FEBBRAIO h. 21.00 – Sala Polivalente presso Centro Mediazione

    INCONTRO : Luca Lombroso – Meteorologo Previsore
    25 FEBBRAIO h. 16.00 – Biblioteca Bassani

    quanta energia?

    FILM : “Vivere senza Petrolio” 53’ di Faith Morgan
    14 MARZO h. 17.00 – Biblioteca Ariostea
    19 MARZO h. 21.00 – Sala Polivalente presso Centro Mediazione

    INCONTRO : Vincenzo Balzani – Chimico
    24 MARZO h. 16.00 – Biblioteca Bassani

    la transizione?

    FILM : “in transition 2.0” 68’ Film di Emma Goude
    11 APRILE h. 17.00 – Biblioteca Ariostea
    16 APRILE h. 21.00 – Sala Polivalente presso Centro Mediazione

    INCONTRO : Cristiano Bottone – Transition Italia
    21 APRILE h. 16.00 – Biblioteca Bassani

    Archibiblio Ferrara
    Biblioteca Ariostea : Via delle Scienze, 17 – tel. 0532 . 418200
    Biblioteca Bassani : via G. Grosoli, 42 – tel. 0532 . 797414
    http://www.artecultura.fe.it/index.phtml?id=235

    Centro Idea
    viale Alfonso I d’Este, 17 – tel 0532 . 744674
    http://www.comune.fe.it/idea

    Ferrara Città Solidale e Sicura
    Sala Polivalente presso Centro Mediazione
    Viale Cavour, 117 / 179 – tel 0532 . 770504
    http://servizi.comune.fe.it/index.phtml?id=2718

    Ferrara in Transizione
    blog : http://ferraraintransizione.wordpress.com
    mail : ferraraintransizione@gmail.com

  • 4 passi nella transizione

    Dalla collaborazione delle Biblioteche Ferraresi, il Centro Idea, il Centro Mediazione Ferrara Città Solidale e Sicura e Ferrara in Transizione è nato questo ciclo di incontri e film su Economia, Clima, Energia e “Transizione” che mi fa piacere segnalarvi.

    Si chiama 4 passi nella transizione e parte da questa domanda:

    Una delle poche costanti è il cambiamento, come possiamo immaginare l’economia, il clima, l’energia e la transizione verso il nostro futuro?

    Ecco il programma completo:

    quale economia?
    FILM : “Debtocracy” 72’ di A.Hatzistefanou e K.Kitidi
    18 GENNAIO h. 17.00 – Biblioteca Ariostea
    23 GENNAIO h. 21.00 – Sala Polivalente presso Centro Mediazione

    INCONTRO : Pierluigi Paoletti – Arcipelago SCEC
    28 GENNAIO h. 16.00 – Biblioteca Bassani

    che tempo farà?
    FILM: “The Age of Stupid” 92’ di F.Armstrong
    15 FEBBRAIO h. 17.00 – Biblioteca Ariostea
    20 FEBBRAIO h. 21.00 – Sala Polivalente presso Centro Mediazione

    INCONTRO : Luca Lombroso – Meteorologo Previsore
    25 FEBBRAIO h. 16.00 – Biblioteca Bassani

    quanta energia?

    FILM : “Vivere senza Petrolio” 53’ di Faith Morgan
    14 MARZO h. 17.00 – Biblioteca Ariostea
    19 MARZO h. 21.00 – Sala Polivalente presso Centro Mediazione

    INCONTRO : Vincenzo Balzani – Chimico
    24 MARZO h. 16.00 – Biblioteca Bassani

    la transizione?

    FILM : “in transition 2.0” 68’ Film di Emma Goude
    11 APRILE h. 17.00 – Biblioteca Ariostea
    16 APRILE h. 21.00 – Sala Polivalente presso Centro Mediazione

    INCONTRO : Cristiano Bottone – Transition Italia
    21 APRILE h. 16.00 – Biblioteca Bassani

    Archibiblio Ferrara
    Biblioteca Ariostea : Via delle Scienze, 17 – tel. 0532 . 418200
    Biblioteca Bassani : via G. Grosoli, 42 – tel. 0532 . 797414
    http://www.artecultura.fe.it/index.phtml?id=235

    Centro Idea
    viale Alfonso I d’Este, 17 – tel 0532 . 744674
    http://www.comune.fe.it/idea

    Ferrara Città Solidale e Sicura
    Sala Polivalente presso Centro Mediazione
    Viale Cavour, 117 / 179 – tel 0532 . 770504
    http://servizi.comune.fe.it/index.phtml?id=2718

    Ferrara in Transizione
    blog : http://ferraraintransizione.wordpress.com
    mail : ferraraintransizione@gmail.com

  • Come uscire dalla Crisi. La tavola rotonda.

    Dopo il ciclo di incontri sul New Deal Verde, ovvero le proposte e le soluzioni per uscire in maniera ecologista dalla crisi, ecco la Tavola Rotonda, organizzata dai Verdi di Ferrara il prossimo 28 febbraio.

    tavolarotonda2

    NEW DEAL VERDE:
    COME USCIRE DALLA CRISI

    La Tavola Rotonda

    SABATO 28 FEBBRAIO 2009
    ORE 9,30 – 13,00

    FERRARA, CASTELLO ESTENSE
    SALA ALFONSO I D’ESTE

    tavola rotonda

    introduce e coordina
    SERGIO GOLINELLI
    assessore all’Ambiente e Cooperazione Internazionale, Provincia di Ferrara

    partecipano
    CRISTINA BARBIERI, manager
    MIRCO DONDI, presidente provinciale Legacoop
    ANDREA GANDINI, economista, CDS Ferrara
    GIULIANO GUIETTI, segretario generale CGIL provinciale
    PAOLO MANDINI, direttore Teleradiocittà Modena
    MARCELLA RAVAGLIA, coordinamento ricercatori precari Università di Ferrara
    ALESSANDRO SOMMA, docente Facoltà di Giurisprudenza, Università di Ferrara
    ANNA TAMBINI, imprenditrice

    FEDERAZIONE PROVINCIALE DEI VERDI
    in collaborazione con
    Gruppi Consiliari VERDI per la pace Comune e Provincia di Ferrara

  • Berlusconi e la felice decrescita…

    immagine-71I casi della vita. Mi sa che quest’anno al sempre più sinistro Presidente del Consiglio andrà la tessera ad honorem del Movimento per la decrescita felice

    Crisi, Berlusconi sparge ottimismo “Pil sotto del 2% non è un dramma”

    ROMA – Silvio Berlusconi torna a spargere ottimismo sulla situazione economica. E definisce non drammatica la previsione per il 2009 che vede uil Pil a -2%.

    “La crisi non è così drammatica come tutti vogliono pensare e il meno 2 per cento del Pil previsto significa che torneremo indietro di due anni e due anni fa non stavamo così male”. E ancora: “Bisogna avere paura di avere troppa paura. Tutti dobbiamo dare un contributo affinché la crisi non sia così drammatica”.

    Il premier si sofferma anche sulla questione pensioni,
    assicurando che non si cambierà il sistema, “perché non è che ogni due anni un governo può cambiarlo”, ma confermando che ci sarà con ogni probabilità un intervento sull’età pensionabile per le donne: “L’Unione Europea ritiene che le donne in Italia siano discriminate perchè vanno in pensione 5 anni prima degli uomini. Credo che ci obbligherà a rivedere questa situazione. Noi ci impegneremo a fondo prossimamente”.
    (Repubblica.it – 20 gennaio 2009)

  • Comprategli una calcolatrice

    Giulio Tremonti, commentando i dati del fabbisogno statale più alto dal 2005 (giusto per ricordarvelo nel 2006 ci sono state le elezioni ed è arrivato il governo prodi, che ha fatto anche il bilancio 2007) che chiude il 2008 a quota 52,9 miliardi, ha detto

    “I conti di chiusura dell’esercizio 2008 sono pienamente in linea con gli impegni assunti in Europa dalla Repubblica italiana. E’ questa una ragione di fiducia per i cittadini e di orgoglio per il governo”

    Qualcuno dei giornalisti accreditati presso la sala stampa del Ministero del Tesoro, dopo aver fatto una piccola ricerca sui continui record delle entrate fiscali, mi potrebbe fare la cortesia di fargli questa semplice domanda:  ma dove vanno li avete messi tutti i nostri soldi?

    Ah, già che ci siamo, qualcuno gli compri anche una calcolatrice…

  • La legge della procastinazione ed il signor Tremonti

    Per alleviare le famiglie dal caro mutui aveva inventato il prestito sul prestito. Si è visto come è finita.

    Per uscire dalla crisi propone di tagliare gli acconti Irpef e Ires (ma non certo i saldi). Un provvedimento che sul breve (Natale, Befana?) magari da qualche effetto positivo sulla liquidità di imprese e famiglie, ma che già dopo sei mesi annulla i propri effetti…

    Insomma i problemi che non si sa come risolvere meglio rinviarli, magari al prossimo governo. Un adattamento tremontiano della legge della procastinazione del buon vecchio Murphy:

    1. La procastinazione riduce il lavoro e sposta la responsabilita’ del suo completamento su qualcun altro (chiunque abbia fissato la scadenza).
    2. Riduce l’ansia riducendo la qualita’ richiesta dal meglio assoluto al meglio relativo al poco tempo a disposizione.
    3. Fa guadagnare importanza agli occhi altrui e propri, perche’ si tende a spiegare lo stress con l’importanza del lavoro.
    4. Comporta l’eliminazione di qualsiasi interruzione, altri lavori compresi, per consentire al lavoratore cosi’ ovviamente stressato la massima concentrazione.
    5. La procastinazione elimina la noia: non si ha mai l’impressione di non avere niente da fare.
    6. Puo’ anche eliminare il lavoro sa le necessita’ termina prima che possa essere svolto.