• opg ferrara

    Mai più OPG

    opg ferraraMai più OPG

    Conferenza Stampa a Ferrara

    26 aprile 2017 ore 10,30 – Sala dell’Arengo

    C’è grande preoccupazione nella società civile a proposito del testo di un comma del Disegno di Legge “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario” art. 1 comma 16 lettera d AC 4368, approvato al Senato e ora in discussione alla Camera AC 4368, che, se confermato, rischia di riaprire la stagione degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (Opg). Viene infatti ripristinata la vecchia normativa disponendo il ricovero di detenuti nelle Residenze per le Misure di Sicurezza (Rems) come se fossero i vecchi OPG.

    A pochi giorni dalla chiusura dei manicomi giudiziari, le Rems rischiano quindi di diventare a tutti gli effetti i nuovi Opg, travolgendone e stravolgendone la funzione. Vanificando lo straordinario lavoro degli operatori che ha portato in questi mesi ad oltre 500 dimissioni. E smentendo la grande riforma che ha chiuso gli OPG, la legge 81/2014, che vede nelle misure alternative alla detenzione, costruite sulla base di un progetto terapeutico riabilitavo individuale, la risposta prevalente da offrire. Non abbiamo chiuso gli OPG per vederli riaprire sotto mentite spoglie.

    La Società della Ragione ONLUS raccoglie l’appello di StopOPG che ha proposto una staffetta del digiuno, durante la discussione del DdL alla Camera, per ottenere lo stralcio della norma in questione.

    Per presentare la piattaforma della mobilitazione è convocata una conferenza stampa a Ferrara il 26 aprile 2017 alle ore 10,30 presso la Sala dell’Arengo a cui parteciperanno:

    Franco Corleone, ex commissario straordinario per la chiusura degli OPG e Garante dei Detenuti della Toscana
    Marcello Marighelli, Garante dei Detenuti della Regione Emilia Romagna
    Leonardo Fiorentini, consigliere comunale, Società della Ragione
    Ilaria Baraldi, consigliera comunale, Società della Ragione

    In attesa di incontrarvi siamo a porgervi cordiali saluti.

    L’ufficio Stampa

    Ferrara, 10 aprile 2017

  • Assemblea annuale de la Società della Ragione

    Care amiche, cari amici,
    nel corso del 2015 abbiamo continuato il lavoro sulla riforma delle leggi sulle droghe nel nostro paese e nel mondo, a partire dal seminario internazionale del febbraio 2015 a Firenze e poi dal convegno di Udine del luglio scorso. Insieme ad altre associazioni abbiamo dato vita ad una campagna di sensibilizzazione verso l’importante appuntamento di New York con UNGASS 2016, che ci ha permesso di partecipare a pieno titolo al seminario di consultazione delle ONG sull’appuntamento ONU organizzato dal Dipartimento Antidroga, e continuato l’impegno all’interno del cartello di Genova con l’organizzazione dell’appuntamento di Milano del novembre 2015. Senza dimenticare il consueto lavoro di redazione del 6° libro bianco sulla legge sulle droghe e la presentazione in Parlamento delle nostre due proposte di legge sulla riforma del Testo Unico sugli stupefacenti e di regolamentazione legale dei derivati della cannabis firmate dagli onorevoli Nicchi e Fossati e dal Senatore Manconi.

    Il 2015 è stato anche l’anno della chiusura degli OPG, campagna alla quale abbiamo dato un contributo anche con la mostra di disegni di Roberto Sambonet sulla pazzia che ha girato l’Italia in questi mesi. Un percorso che non è ancora finito, e che ci vedrà attenti controllori delle Regioni chiamate ad attuare la legge. Abbiamo aperto il 2016 con la nomina, finalmente, del Garante nazionale dei Diritti dei detenuti che ci auguriamo possa essere di stimolo ad una vera riforma del sistema penitenziario italiano anche a seguito degli Stati Generali dell’esecuzione penale che si avviano alla loro chiusura.

    Infine un ultima buona notizia: finalmente, dopo infinite lotte burocratiche, il Ministero ci ha erogato poco prima di Natale 2015 il 5per1000 arretrato per gli anni sino al 2013: si tratta di oltre 8.000 euro che ora vorremmo decidere insieme a voi su quale campagna investire.

    Per fare un bilancio dell’anno trascorso e per programmare le prossime iniziative siete quindi caldamente invitati a partecipare all’assemblea dell’associazione convocata in prima convocazione il giorno Venerdì 29 alle ore 7.00 ed in seconda convocazione

    alle ore 10 di sabato 30 aprile 2016
    presso la Sala Rossa della Camera del Lavoro di Ferrara
    Piazzetta Verdi 5 a Ferrara

    con il seguente Ordine del Giorno:

    Ore 10/13 insieme al Cartello di Genova sulle orme di Don Gallo

    1. Riunione del laboratorio sulle leggi del Cartello di Genova

    Ore 15/18 Assemblea statutaria de la Società della Ragione

    1. Comunicazioni del Presidente
    2. Resoconto dell’attività svolta e programmazione prossime iniziative
    3. Approvazione bilancio 2015 dell’Associazione
    4. Elezione organi statutari

    Vi ricordiamo che la nostra Associazione ha bisogno del vostro aiuto: potete sostenere e partecipare alla vita dell’associazione aderendo (Quota sociale 50 euro, in regalo il libro La giustizia e il senso di umanità Antologia di scritti su carcere, opg, droghe e magistratura di sorveglianza di Alessandro Margara) od inviando un contributo (detraibile dalle imposte) con un bonifico sul conto corrente de la Società della Ragione presso Banca Prossima – FILIALE DI MILANO – 20121 – PIAZZA PAOLO FERRARI 10 – IBAN  IT 84 J 03359 01600 1000 0010 6293.

    Potete anche, ancor più semplicemente, sostenerci con il 5×1000 indicando nella vostra dichiarazione dei redditi, nella casella “sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale”, il codice fiscale della Società della ragione 94159130486 e apponendo la propria firma.

    Aspettiamo il vostro contributo di idee ed il vostro sostegno.

    Il Presidente
    Stefano Anastasia

    Il Tesoriere
    Leonardo Fiorentini

    Come arrivare


    Treno: dalla Stazione di Ferrara sono disponibili taxi (corsa di 10 minuti scarsi) oppure Bus:
    Dal piazzale antistante la Stazione – Linea 2 direzione Viale Olanda (fermata Carlo Mayr-Piazzetta Verdi, corse ogni 30 min.)
    Dal Piazzale di fronte Stazione – Linea 11/A e 11/B direzione Chiesuol del Fosso/Ospedale San Giorgio (fermata Corso Porta Reno poi 450m a piedi, corse ogni 15 min.)
    Scarica gli orari dei Bus urbani Tper del Bacino di Ferrara.
    A piedi dalla Stazione in circa 25 minuti.

    In auto: parcheggi a pagamento in Piazza Travaglio, ex Mercato Cavalli, Via dei Baluardi e Parcheggio Centro Storico (consigliato per sosta lunga). Quest’ultimo, il più lontano, si trova a 500 metri dalla Camera del Lavoro.

    In aereo: navetta aeroportuale Fly&Bus dall’Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna. Vedi gli orari.

  • I Garanti chiedono al Governo una svolta sul carcere

    I Garanti dei detenuti italiani, riuniti in coordinamento oggi a Ferrara hanno tenuto una conferenza stampa al termine dei lavori. Ormai siamo “Garanti della carta igienica” ha esordito così il coordinatore dei 30 garanti cittadini e 6 regionali, Franco Corleone. “67500 detenuti sono il frutto delle leggi criminogene che il nostro paese si è dato, ma questa riunione cade in un momento felice per le speranze che il nuovo governo ci puo’ dare”.  I Garanti si aspettano un segnale forte di discontinuità: insieme a Antigone, Arci, Associazione Nazionale Giuristi Democratici, Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia, Ristretti Orizzonti, La Società della Ragione, Unione delle Camere Penali Italiane, VIC-Caritas il Coordinamento Nazionale Garanti Territoriali Diritti Detenuti ha infatti lanciato un appello al Presidente del Consiglio e al neo Ministro della Giustizia perché sia nominato un sottosegretario con delega al carcere “capace, competente e appassionato e che possa incidere positivamente sul dramma quotidiano delle carcere certificato anche dalle parole del Presidente della Repubblica di quest’estate”.

    I Garanti chiederanno presto un incontro al nuovo Ministro, “perchè in questi anni si è confidato troppo nel carcere in nome della sicurezza, il carcere non dev’essere il sostituto del welfare che non c’è.” “Al Ministro – incalza Corleone – sottoporremo alcune questioni urgenti: incidere sul sovraffollamento, non con nuove carceri ma cambiando le leggi criminogene, perchè non serve il carcere per la vendita di un cd contraffatto, come non vanno tenuti in carcere i detenuti tossici, o non vanno incarcerati i semplici consumatori. Va modificata la Fini-Giovanardi, con maggiori possibilità di affidamento in cura, e va modificata anche la legge Cirielli sulla recidiva. Chiederemo poi che si porti a conclusione il lavoro avviato dalla commissione Marino per il superamento degli OPG, e chiederemo l’istituzione del garante nazionale come previsto da una norma dell’ONU che l’italia tarda a far sua. Crediamo si debba usare meglio e di più la legge sulla detenzione domiciliare, prevista dalla cosiddetta “svuotacarceri” che ha però inciso per poco più di 3000 casi.”

    “Un carcere sovraffollato che imbruttisce le persone non aiuta la società nè aiuta la salute pubblica” ha continuato Corleone, che è Garante dei detenuti a Firenze, ricordando che proprio la mancanza di fondi ed il sovraffollamento rendono necessaria l’apertura del carcere alla società, con un maggior coinvolgimento degli enti locali e dell’associazionismo in modo che esso non “diventi uno zoo” ma si apra alla città promuovendo iniziative di educazione, di studio e di recupero sociale in modo che nella cella si torni solo a dormire.

    Articolo per fuoriluogo.it

     

     

  • Aldro, 5 anni dopo

    ALDRO, 5 ANNI DOPO
    SABATO 25 SETTEMBRE 2010
    presso la SALA BOLDINI, Via Previati 18, Ferrara

    Programma della giornata:

    Ore 10: “Non hanno ucciso il futuro”
    Tavola rotonda con i famigliari di alcune vittime delle Forze dell’Ordine.
    Con la partecipazione di Patrizia Moretti e Lino Aldrovandi, Haidi Giuliani, Ilaria Cucchi, Lucia Uva, i figli di Aldo Bianzino ed altre testimonianze in via di definizione.
    Coordina: Checchino Antonini, giornalista di “Liberazione”.

    Ore 15.30: “Arte e comunicazione per Federico”
    Con la partecipazione di scrittori, attori, musicisti, disegnatori, registi, blogger che hanno dedicato opere a Federico Aldrovandi.
    Coordina: Dean Bulletti, giornalista di Rai 3.

    Ore 20.30: “E’ stato morto un ragazzo”
    Proiezione del docu-film di Filippo Vendemmiati, che sarà presente in sala.

    Ore 22.15: Ritrovo in Piazza Trento e Trieste e Fiaccolata per Federico con arrivo in via Ippodromo.

    Presso le Grotte del Boldini sarà allestita per tutta la giornata la mostra “Aldro, 5 anni dopo“.

    Con il Patrocinio di Comune e Provincia di Ferrara.

    (via fioreblog)

  • Fra vittime e carnefici

    Fra vittime e carnefici lo scambio di ruolo può essere più veloce della luce.

    Le due maestre di Pistoia, accusate (da alcuni video) di percosse ad alcuni alunni, sono state scarcerate e mandate agli arresti domiciliari. Anche se si sono trasferite, è stato facile per qualcuno tirare una molotov contro il residence che ospita una di loro.

    Ne ha scritto Franco Corleone sul suo blog e oggi Sergio Segio nella rubrica di Fuoriluogo sul Manifesto.

  • Il tempo rende giustizia

    Ritaglio di giornale che sta circolando su FB…

  • Fra offesa e critica politica

    davidefabbriDavide Fabbri è stato per molto tempo consigliere comunale dei Verdi a Cesena. Forse troppo, come scrive anche lui in questo testo in cui ci ha informato del suo rivio a giudizio per il reato di diffamazione a mezzo stampa per una vicenda legata ad un permesso di costruire in “un’area verde di tutela fluviale e paesistica, a rischio di esondazione del torrente Cesuola, in via Lanciano a Ponte Abbadesse di Cesena“.

    La cosa curiosa è che lo stsso PM aveva chiesto l’arciviazione con la motivazione che “Fabbri non ha offeso, ha fatto critica politica”. Ma ora Davide non è più consigliere comunale, i Verdi non sono più rappresentati nelle istituzioni. Che sia un caso?

    L’autore di questo blog esprime la propria solidarietà a Davide ed invita anche gli altri a farlo, magari con una piccola catena solidale. Commentate aderendo alla catena, linkate il post e copiate l’elenco adesioni qui sotto.

    Hanno aderito: leonardo fiorentini, verdi di Ferrara, Alessandro Ronchi, Baseverde.org, Verdi Forlì-Cesena, Verdi Emilia-Romagna, Marcello Saponaro, Fabio Corgiolu, Giuseppe Civati, IlKuda, Verdi di Livorno.

    Qualche giorno fa, il mio avvocato mi ha comunicato con stupore, che sono stato rinviato a giudizio per il reato di diffamazione a mezzo stampa, per una vicenda di speculazione edilizia da me affrontata nel 2006 in Consiglio Comunale a Cesena.

    Lo stupore del mio legale è dovuta al fatto che il Pubblico Ministero aveva chiesto l’archiviazione del procedimento. (“Fabbri non ha offeso, ha fatto critica politica”).

    Dovrò affrontare il processo in Pretura a Cesena: prima udienza fissata per il 13 gennaio 2010.

    Chi mi conosce bene sa che per tanti e troppi anni (dall’aprile del 1992 a maggio 2009) sono stato assiduamente impegnato in Consiglio Comunale a Cesena, cercando di far politica nelle istituzioni in maniera seria e rigorosa, tenendo sempre gli occhi aperti.

    Nel mio lavoro quotidiano, ho spesso affrontato vicende scomode.

    Vi propongo una breve cronologia dei fatti che mi vengono contestati dalla Magistratura.

    Nel 2006 ero stato nuovamente querelato per vicende politiche legate alla mia attività di consigliere comunale.

    Querelato questa volta da un potente imprenditore dell’edilizia cesenate (Venanzio Leoni della ditta C.E.L. – Costruzioni Edili Leoni), solo per il fatto di aver criticato l’Amministrazione Comunale di Cesena (e non l’imprenditore titolare del permesso a costruire) di aver autorizzato un intervento edilizio a rischio di pesante speculazione, in una area verde di tutela fluviale e paesistica, a rischio di esondazione del torrente Cesuola, in via Lanciano a Ponte Abbadesse di Cesena.

    Interpellanze al Sindaco, comunicati stampa, volantinaggi porta-a-porta a Ponte Abbadesse, hanno probabilmente infastidito il potente costruttore proprietario delle aree: è scattata nel 2006 la querela nei miei confronti.

    La vicenda da me denunciata all’opinione pubblica simboleggia chiaramente – ora più di allora – il più grosso guaio del nostro tempo a Cesena (ma non solo): sull’urbanistica, sulla gestione del territorio, le forze politiche che si richiamano ai valori storici della sinistra (che amministrano la città), sono aggrappate a politiche praticamente indistinguibili dalle destre.

    Personalmente, sono stato querelato – nell’arco del mio lungo impegno politico istituzionale – cinque volte per aver scritto cose simili (e anche più dure) contro i poteri forti della città.

    Alla fine, per fortuna (dato che non ritengo la Magistratura un organo di garanzia), sono sempre stato assolto o prosciolto prima dell’inizio del processo, poiché ho sempre detto la verità, scomoda ma di verità si trattava.

    Ora, per la prima volta, vengo rinviato a giudizio, dovrò affrontare un processo; coincidenza vuole  che questo rinvio a giudizio avviene ora che non sono più consigliere comunale, in assenza di copertura istituzionale.

    Le iniziative di chi querela, come in questo caso, sono riconducibili in larga misura ad azioni strumentali e intimidatorie, con grave incidenza sul diritto di libera espressione del pensiero, essenziale in un regime democratico.

    Il motivo di queste querele, va ricercato nell’attività politica che ho portato avanti a nome dei Verdi in Consiglio Comunale a Cesena, che, con tono critico ma senza ricorrere a insulti o offese di alcun tipo, hanno spesso smascherato la malagestione della cosa pubblica, hanno denunciato i danni arrecati all’ambiente.

    Il mio sconforto nasce dal fatto che quel ruolo da noi ricoperto in Consiglio Comunale, dopo le elezioni comunali del giugno scorso, ora è tragicamente scomparso dalle istituzioni locali.

    Sono comunque sereno, affronterò il processo con tranquillità, il mio avvocato mi dice di non avere timore di condanna, ma se vi scrivo è perché ho bisogno della vostra vicinanza e solidarietà.

    Il mio desiderio è quello di affrontare il processo non in solitudine, ma con l’appoggio dei Verdi, di cittadini, gruppi, associazioni.

    Chi lo vorrà, potrà ricevere da me tutta la documentazione legata a questa vicenda.

    Saluti ecologisti

    Cesena, sabato 5 dicembre 2009

    Davide Fabbri

  • Il kompagno Fini colpisce ancora…

    Ha il consenso per governare, ma non l’immunità assoluta. Lui confonde la leadership con la monarchia assoluta, il consenso popolare che lo legittima a governare, con una sorta di immunità nei confronti di qualsiasi altra autorità”

    Così il Kompagno Fini a latere di un convegno, e repubblica ci sguazza

  • No, non è stato di diritto

    Da Gilioli, via Wittgenstein:

    Non credo, per usare un eufemismo, che Alexandru Loyos sia una brava persona. Anzi: forse ha stuprato una donna, e quasi sicuramente sta coprendo qualche mascalzone peggio di lui.

    Detto ciò, quello che sta succedendo attorno a lui è che:

    1) Su tutti i giornali è apparsa una sua foto mentre veniva portato via in manette, e non si può.

    2) La questura di Roma ha diffuso il video registrato a porte chiuse della sua confessione (poi ritrattata) e non avevo mai visto niente di simile in passato.

    3) Non risulta che sia stata aperta alcuna indagine sulle botte che lui dice di aver preso.

    4) Il fatto che rimanga in carcere con l’accusa di calunnia e autocalunnia, prontamente emessa mentre il tribunale del Riesame ne decideva la scarcerazione per lo stupro della Caffarella, è un’altra cosa un po’ strana – e non so se in Italia qualcuno è mai stato un giorno in galera per calunnia. E’ abbastanza evidente, comunque, che la decisione di tenerlo a Regina Coeli è stata presa per evitare lo “sdegno popolare” di un’eventuale scarcerazione.

    E tutto questo, per quanto Loyos possa essere mascalzone, non è Stato di diritto.

  • Legittimo sospetto

    Legittimo sospetto