• della Scuola (e della Gelmini)

    A volte avere un blog serve almeno a ricordare cosa si è pensato e detto nei mesi precedenti. Un promemoria elettronico che a volte è utile.

    Utile ad esempio a ricordasi le dichiarazioni della neoMinistra Gelmini che, appena insediata, si lasciò andare alle classiche promesse da Ministro dell’Istruzione: più soldi per tutti.

    Peccato che Tremonti non sia troppo d’accordo, e che la politica del sinistro Governo Berlusconi sulla Scuola assomigli troppo a questa ipotesi, azzardata da Calamandrei nel lontano 1950:

    Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuol fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di Stato hanno il difetto di essere imparziali. C’è una certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora, il partito dominante segue un’altra strada (è tutta un’ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di privilegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole, perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato. E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private. Gli esami sono più facili, si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. Il partito dominante, non potendo trasformare apertamente le scuole di Stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di Stato per dare la prevalenza alle sue scuole private. Attenzione, amici, in questo convegno questo è il punto che bisogna discutere. Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tener d’occhio i cuochi di questa bassa cucina. L’operazione si fa in tre modi: ve l’ho già detto: rovinare le scuole di Stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico”.

    Oggi manifestazione con fiaccolata con partenza alle 18,30 da Piazza Savonarola, in difesa della Scuola. Pubblica. I Verdi ci saranno.

  • Eh sì, al sud è tutto più facile…

    Beh almeno finalmente abbiamo capito perchè la Ministra dell’Istruzione è tanto preoccupata del divario fra l’insegnamento al Nord e quello al Sud.

    Figuratevi che in Calabria le hanno addirittura permesso di diventare avvocata

    Da Sorelle d’Italia. Anche su Paferrobyday, iMod on tumblr, Vittorio Pasteris e altri (blogbabel)

  • Più soldi per tutti.

    Oggi la neoministra Gelmini annuncia l’adeguamento degli stipendi alla media OCSE, cita Gramsci e ovviamente promette più soldi alle private proprio il giorno dopo l’incontro fra Berlusconi e il Papa e nella stessa giornata in cui Bankitalia lancia un allarme per la discriminazione di censo nell’Istruzione.

    Un colpo alla botte ed uno al cerchio. Il martello in mano pero’ ce l’ha Tremonti…

    PS: io non ricordo un Ministro (all’istruzione) della Repubblica che non abbia detto “più soldi agli insegnanti” dai tempi della Falcucci (quella che… l’insegnamento è una missione). Voi?