• Siamo tutti americani?

    un candidato

    un candidato

    Gli Stati Uniti d’America sono la prima potenza mondiale, che segnano e governano le sorti del pianeta, perché non dovremmo votare anche noi il loro-nostro presidente?

    Ecco perchè a La California toscana – una frazione del Comune di Bibbona, 40 chilometri a sud di Livorno, sulla strada statale Aurelia al chilometro 273 – si svolgono le uniche elezioni americane per non americani.
    Qui sotto il programma, siete ancora in tempo per partire, ovvero per votare on line:

    SIAMO TUTTI AMERICANI? LE UNICHE ELEZIONI AMERICANE PER NON AMERICANI
    La California sede di seggio
    domenica 26 ottobre 2008 – ore 14/20
    Piazza Martiri della Libertà
    ore 14.00 Apertura dei seggi con accompagnamento musicale e rinfresco a base di prodotti locali.
    ore 15.00 Inizio dei comizi dei sette candidati locali (10 min. ciascuno).
    ore 20.00 ?Chiusura dei seggi e inizio delle operazioni di conteggio dei voti.

    ATTENZIONE: anche Siamo tutti americani? risente dell’attuale clima di crisi economico-finanziaria, per cui quest’anno si svolgerà in maniera più scarna ed essenziale, senza spettacoli comici e musica dal vivo. Anche se un po’ di musica, vino e salame certamente non mancheranno, quest’anno ci limiteremo al momento del voto e dei comizi dei sette candidati. Ci sarà anche un’urna per la raccolta di offerte libere.
    Ancora una volta quindi: ANDATE AL MARE, ANDATE A VOTARE!

    Vai al sito
    NB: in foto uno dei candidati 2008. Grazie a Stefi per la segnalazione.

  • voto elettronico

  • “Per il bene della nazione”

    Lezione del mattino per il politico provetto: mai tirar fuori il “bene della nazione” quando si mente a David Letterman per andare al programma della televisione programma concorrente.
    Peggio che andare dal manicure.

  • E c’era bisogno di farci un articolo?

    Potreste obiettare: “e c’era bisogno di farne un post?”, certo. Ma la “notizia” che Obama e McCain usano AdWords per farsi pubblicità sul web è quantomeno surreale, pensando che addirittura Rutelli (sì, lui) ha usato spesso tale strumento in campagna elettorale…

    Campagna elettorale anche con AdWords, software che si serve di frasi chiave per distribuire annunci pubblicitari mirati
    Obama e McCain, sfida su Google grandi acquisti di parole chiave

    Da Repubblica.it

  • Lo ha detto…

    Noi avremo pure Berlusconi sempre pronto a spararle grosse, ma questo qui non solo non ha remore a spararle, ma potrebbe anche avere fra pochi mesi i mezzi per sparare sul serio.

    Usa-Iran. McCain: bene esportazioni sigarette, uccideranno gli iraniani. Teheran: immorale battuta

    “Una battuta immorale, soprattutto se si pensa che arriva da chi si candida a guidare un paese che si proclama civilizzato”. Cosi’ il portavoce del ministero degli Esteri iraniano stigmatizza la battuta sulle sigarette pronunciata qualche giorno fa da John McCain, quando il candidato repubblicano, rispondendo ad una domanda sull’esportazione di sigarette americane in Iran aumentata durante l’amministrazione Bush, aveva detto: “e’ un modo per ucciderli”.  Mentre le persone dello staff del senatore ridevano imbarazzati all’infelice battuta, e la moglie di McCain gli dava una leggera pacca sulle spalle per rimetterlo in riga, il repubblicano ha subito aggiunto: “ovviamente e’ una battuta, di una persona che non fuma una sigaretta da 28 anni”. Non e’ la prima volta che il 71enne candidato repubblicano ‘scherza’ su un eventuale attacco all’Iran, come quando ha canticchiato “bombing Iran’ sul motivo della canzone dei Beach Boys “Barbara Ann”.

    Dal Notiziario Aduc.

  • Le notizie di una settimana drogata

    papaveriAlla fine siamo arrivati alla fine della settimana in cui si celebra la giornata mondiale antidroga. E ne abbiamo sentite di tutti i colori, a dimostrazione che le sostanze stupefacenti circolano, eccome, anche a Fini-Giovanardi in vigore.

    In ordine sparso le notizie di questa settimana drogata.

    Tranquilli, c’è Giovanardi.
    Giovanardi ha detto che la situazione in Italia è grave ma non drammatica (giuro). Sì quello che fino a ieri si scagliava contro quest’Italia drogata. Insomma, adesso c’è lui e siamo in una botte di ferro, pure in parlamento.

    La terza guerra mondiale
    Antonio Costa, che è un altro che non si risparmia di certo, ha detto prima che l’onu non ha mai parlato di un mondo senza droghe in 10 anni (10 anni fa), e poi che è ora di iniziare la Terza Guerra Mondiale: quella alle droghe. Insomma prima era solo furbescamente smemorato, adesso diventa pure pericoloso.

    Il consorte della Regina delle Birre governerà il mondo?
    Intanto in America McCain, quello che vorrebbe prendere in mano il cerino della War on Drugs dalla famiglia Bush, non si lascia mancare nulla neanche lui: l’azienda della moglie, distributrice della Budweiser (sì quella che ha “fregato” il marchio alla budweiser ceca) si oppone addirittura all’iniziativa rivoluzionaria delle «Madri Contro la Guida in Stato di Ubriachezza»  che vorrebbe imporre per legge di indicare anche su bottiglie e lattine di birra e vino il contenuto alcolico. Giuro (fonte Corriere della Sera). Pare che il tema sia così delicato “che John McCain da anni si astiene dal votare o intervenire su qualsiasi cosa che riguardi l’alcol.” Ma se fosse eletto alla Casa Bianca? “Nessuno si aspetta che dallo Studio Ovale, McCain conceda favori speciali alle aziende che producono o distribuiscono alcolici. Ma il conflitto di interessi potrebbe frenarlo dall’agire energicamente su temi come l’alcolismo giovanile. La sua campagna dice che «nessuna decisione sarà presa» fino a dopo le elezioni.” Complimentoni.

    Non ne bastava una?
    Forse anche il caldo ha influito sull’iniziativa di alcuni parlamentari del PDL, non sazi della scorpacciata di ipocrisia del 26 giugno, che chiedono con una proposta di legge l’istituzione di una giornata nazionale di lotta alla droga. Sì un’altra. L’ennesimo prova che il concetto del limite è purtroppo patrimonio di pochi.

    L’ho visto su youtube!
    Chicca finale il video che farà scandalo e che chiude in bellezza questa settimana. Alcuni ragazzini si rollano (male) una canna in classe e mandano il filmato su youtube. Sul blog di fuoriluogo.it si accetto scommesse su chi sarà il primo ad intervenire sulla grave crisi del sistema morale e scolastico del nostro paese.