• Per un pugno di centesimi

    perunpugnodidollariSolo io rilevo un senso di inadeguatezza storica e politica leggendo dello sforzo del nostro sinistro governo per lo sconto di 2 centesimi della benzina?

    Benzina, le compagnie al governo “Prezzo giusto, nessun taglio”

    ROMA – Nulla da fare. Per le compagnie petrolifere non ci sono margini per una riduzione dei prezzi dei carburanti. Neanche di quei 2 centesimi di euro al litro che aveva chiesto il ministero dello sviluppo economico. Il responsabile delle relazioni esterne dell’Unione petrolifera, Marco D’Aloisi, al termine dell’incontro con il sottosegretario allo sviluppo economico, Stefano Saglia, non lascia spazio alla speranza. “Le compagnie nella loro piena autonomia – afferma D’Aloisi – ritengono non ci sia spazio per una riduzione dei prezzi. Tuttavia su molti impianti si possono ottenere sconti fino a 11 cent al litro”.

    Per il rappresentante dell’Up “gli aumenti sono ampiamente giustificati perchè i mercati sono tornati a crescere” e punta il dito contro l'”ingiustificato” rilievo mediatico “innescato dalle associazioni dei consumatori”. (Da Repubblica.it)

  • Piano Casa, il seminario e le pagelle…

    Sul Piano Casa del nostro sinistro Presidente del Consiglio vi segnalo due approfondimenti: qui sotto il seminario di Radicali e Verdi trasmesso da RadioRadicale, dal sito di legambiente invece il dossier a 120gg dall’annuncio berlusconiano, con un report sulle leggi regionali che nel frattempo sono state approvate o proposte. Per inciso l’Emilia Romagna risulta al 6 posto, rimandata con debito… (in coda al post l’articolo di Terra di oggi sull’argomento)

    EDILIZIA: Pagella per il PIANO CASA: Legambiente ha realizzato un dossier 120 giorni dopo l’annuncio di Berlusconi. Promosse solo Toscana, Bolzano e Puglia.

    Sono passati quattro mesi dall’annuncio del governo per il Piano casa. Per Legambiente è ora di tirare le somme. Per Edoardo Zanchini, responsabile Urbanistica dell’associazione ambientalista «il Piano ha portato a un vero e proprio “puzzle” di regolamenti con norme diverse a seconda della regione». Tanto che Zanchini, senza mezzi termini, parla di un «sostanziale fallimento».

    Legambiente ha presentato ieri un vero e proprio dossier in cui vengono esaminati i vari regolamenti di applicazione del Piano nelle varie regioni, con tanto di pagelle, per valutare gli aspetti ambientali quali l’attenzione al risparmio energetico e la tutela del territorio. Le zone d’Italia promosse sono tre: la Toscana, la Provincia di Bolzano (grazie agli alti standard energetici) e infine la Puglia. La Regione amministrata da Nichi Vendola è l’unica regione del Sud nelle prime posizioni della classifica stilata da Legambiente (subito dopo c’è la Basilicata che però è all’ottavo posto).

    Tuttavia anche la Puglia «andrà tenuta sotto controllo – si legge nel dossier – per la deroga ai piani regolatori concessa ai Comuni». Le regioni bocciate sono invece la Liguria (che concede bonus volumetrici fino al 50 per cento dell’esistente), Lombardia, Veneto e Campania. Le ultime quattro della classifica sono Molise, Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta e Sicilia che hanno vincoli di efficienza energetica molto generici ma soprattutto, a differenza di tutte le altre amministrazioni, non hanno previsto nessuna zona in cui sarà vietato ampliare gli edifici.

    In pratica significa che si potranno realizzare gli interventi anche in aree vincolate, centri storici e parchi. Legambiente per realizzare il dossier sul Piano Casa ha analizzato i diversi testi di legge approvati, quelli il cui iter è tuttora in corso ma anche le proposte discusse nelle varie giunte regionali italiane. E proprio per questo motivo l’associazione ci tiene a specificare che «in molti casi si tratta di bozze, licenziate dalle commissioni o dalle giunte, suscettibili di modifiche nella fase di voto in Consiglio regionale». La promozione definitiva, quindi, le Regioni possono ancora conquistarla.

  • Dove sta il partito del cemento?

    A Bergamo evidentemente a destra, come dimostra questo bel manifesto dei Verdi con Bruni.

    A Ferrara, vale la pena di ricordarlo di questi tempi, anche un po’ a sinistra

  • Vuole solo aggiungere la lavanderia nella villa in sardegna…

    “Ho sentito cose che non erano nelle idee iniziali e che non saranno nel testo, cioè quello che riguarda gli immobili urbani. Decreto o ddl che sia, si fermerà alle case mono e bifamiliari e alle costruzioni da rifare dopo che queste saranno demolite”

    Avevamo capito male.

    Non vuole fare speculazione edilizia. distruggere i centri storici, cementificare il cementificabile.

    Il nostro sinistro Presidente del Consiglio vuole solo aggiungere la lavanderia nella villa in sardegna.